Pole position, giro più veloce in gara e prima posizione occupata dal semaforo verde alla bandiera a scacchi: grand slam di Nico Rosberg nel Gran Premio d’Europa, che stravince nelle strade di Baku e si rilancia nel mondiale grazie alla domenica difficile di Lewis Hamilton.

L’inglese, partito decimo, ha dovuto districarsi nel traffico nei primi giri e, complice qualche problema sulla sua vettura, non ha potuto far meglio della quinta posizione.

Alle spalle di Rosberg, invece, la gara per il podio è stata tiratissima: crollate le Red Bull, in crisi di gomme, la Ferrari si è trovata la concorrenza di una grandissima Force India, con Vettel che ha messo al sicuro il secondo posto superando per ordine di scuderia Raikkonen e riuscendo a lanciarsi come primo inseguitore di un comunque imprendibile Rosberg.

Alle sue spalle ha preso l’ultimo gradino del podio Sergio Perez, che ha superato in pista Kimi Raikkonen a due giri dalla fine ma che comunque avrebbe ottenuto la medaglia di bronzo visto che il finlandese aveva rimediato cinque secondi di penalità per aver tagliato la corsia dei box in un duello con Ricciardo.

Per il finlandese, comunque, arriva un bel quarto posto proprio davanti al campione del mondo in carica Hamilton.

Deludente il weekend Williams, con Bottas solo sesto davanti alle due Red Bull di Ricciardo e Verstappen, come detto in grave crisi di gomme fin dalla partenza; i due sono riusciti solo nel finale a mettersi davanti a Nico Hulkenberg, anche lui molto in ombra rispetto a Perez. Il tedesco prende due punti mondiali, davanti a Felipe Massa, decimo.

Fuori dalla Top 10 la McLaren, con Button undicesimo ed Alonso ritirato con gravi problemi tecnici; l’inglese ha preceduto la Sauber di Nasr, la Haas di Grosjean e le Renault di Magnussen e Palmer.

Al traguardo anche Gutierrez, Ericcson e Haryanto, con soli quattro piloti ritirati e tutti per problemi meccanici: oltre al già citato Alonso, fuori anche Wehrlein con problemi ai freni e le due Toro Rosso di Sainz e Kvyat.

Gran Premio d’Europa, Gara – Classifica:
1. Nico Rosberg      – Mercedes      –     1:32:52.366
2. Sebastian Vettel      – Ferrari      –     +16.696
3. Sergio Perez      – Force India Mercedes      –     +25.241
4. Kimi Räikkönen      – Ferrari      –     +33.102
5. Lewis Hamilton      – Mercedes      –     +56.335
6. Valtteri Bottas      – Williams Mercedes      –     +60.886
7. Daniel Ricciardo      – Red Bull Racing TAG Heuer      –     +69.229
8. Max Verstappen      – Red Bull Racing TAG Heuer      –     +70.696
9. Nico Hulkenberg      – Force India Mercedes      –     +77.708
10. Felipe Massa      – Williams Mercedes      –     +85.375
11. Jenson Button      – McLaren Honda      –     +104.817
12. Felipe Nasr      – Sauber Ferrari      –     +1 Giro
13. Romain Grosjean      – Haas Ferrari      –     +1 Giro
14. Kevin Magnussen      – Renault      –     +1 Giro
15. Jolyon Palmer      – Renault      –     +1 Giro
16. Esteban Gutierrez      – Haas Ferrari      –     +1 Giro
17. Marcus Ericsson      – Sauber Ferrari      –     +1 Giro
18. Rio Haryanto      – MRT Mercedes      –     +2 Giri

Ritirati
Fernando Alonso  –     McLaren Honda  – Tecnico
Pascal Wehrlein  –     MRT Mercedes      – Tecnico
Carlos Sainz      – Toro Rosso Ferrari      – Tecnico
Daniil Kvyat  –     Toro Rosso Ferrari      – Tecnico

Massimo Caliendo


Stop&Go Communcation

Pole, giro più veloce e prima posizione dal semaforo verde alla bandiera a scacchi: grand slam di Nico Rosberg nel GP d’Europa, che si rilancia nel mondiale.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/06/baku_2016_gara_rosberg.jpg Baku, Gara: dominio Rosberg, Vettel secondo, Perez ancora a podio