Nuovo continente, storia vecchia: anche nel Gran Premio degli Stati Uniti infatti la Mercedes ha monopolizzato la prima fila con Nico Rosberg e Lewis Hamilton.

Nell’anomala qualifica che vedeva partire sole 18 vetture per il forfait di Caterham e Marussia, il tedesco ha fatto segnare la pole position grazie a un crono di ben tre decimi più rapido rispetto al best lap di Sebastian Vettel dello scorso anno. In questo modo, dunque, è stato “sfatato” il mito di una F1 2014 più lenta rispetto al passato.

Valtteri Bottas e Felipe Massa occupano la seconda fila, confermando il dominio indiscusso dei propulsori di Stoccarda.

Daniel Ricciardo su Red Bull, 5°, vince il confronto con Fernando Alonso, reo di aver commesso un errore nell’ultimo tentativo. Quarta fila per il duo McLaren con Jenson Button davanti all’esordiente Kevin Magnussen.

Soltanto nona l’altra Ferrari di Kimi Riakkonen, protagonista di una Q3 molto tribolata. Sorprende la 10° piazza di Adrian Sutil, che coglie il primo ingresso nell’ultimo taglio in una stagione avara di soddisfazioni per la Sauber.

Button e Kvyat dovranno scontare rispettivamente 5 e 10 posizioni di penalità in griglia, in questo modo accede alla top10 Pastor Maldonado su Lotus

Classifica completa

Andrea Giustini


Stop&Go Communcation

Nuovo continente, storia vecchia: anche nel Gran Premio degli Stati Uniti infatti la Mercedes ha monopolizzato la prima fila con Nico Rosberg e Lewis Hamilton […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/11/540432733-44292231102014_1-1024x682.jpg Austin, Qualifiche: Rosberg in pole position! Il tedesco demolisce la pole del 2013