Il nuovo team principal della Ferrari, Marco Mattiacci, è certamente uno dei personaggi più chiacchierati di questa stagione 2014.

Una figura silenziosa, soprattutto schietta a cui piace parlare con i fatti. Un personaggio diverso su cui Luca Cordero di Montezemolo ha fortemente puntato per la rinascita della Ferrari.

Proprio in tal senso, anche per placare gli animi bollenti degli appassionati, la Scuderia di Maranello ha invitato i suoi tifosi a porre alcune domande, tramite i canali Twitter e Facebook, a Marco Mattiacci. Le domande sono state recapitate a Mattiacci
attraverso l’hashtag #askMarco.

Sono state centinaia le domande giunte da ogni parte del mondo nel giro di poche ore.

Tra quelle selezionate ecco le risposte del Team Principal:

Amit Mandalia @Amit_Mandalia
Quali sono state le sue prime impressioni su come funziona la Gestione Sportiva? Negative o positive?
Marco Mattiacci
La Gestione Sportiva è figlia di una grande visione, di oltre sessant’anni di corse, di piloti straordinari e di ingegneria ai massimi livelli. Quando sono arrivato ho avuto l’impressione di trovarmi nel cuore di un mito. Per questo motivo sono entrato con il massimo rispetto e con grande curiosità. Abbiamo bisogno di leadership e di una visione concreta per tornare di nuovo al vertice, partendo dagli elementi che caratterizzano il nostro DNA tra cui tradizione, innovazione e sete di vittoria.

 

Begoña Álvarez @berguenza
Quando ha accettato di prendere il timone della Scuderia Ferrari pensava che la situazione fosse brutta come appare da fuori?
Marco Mattiacci
Ho trovato il team come mi aspettavo che fosse. Abbiamo una base molto forte, una grande tradizione, perché la nostra azienda nasce come squadra corse, e stiamo lavorando per rendere più compatta la squadra e tornare ad essere competitivi il prima possibile.

 

AChiquet @AChiquet
Quali sono i tre pincipali cambiamenti che ha introdotto?
Marco Mattiacci
Stiamo operando un cambiamento del metodo di lavoro, adottando un nuovo approccio e una strategia che possano portarci ad essere più competitivi. Abbiamo deciso di investire su nuove infrastrutture e persone per creare un’organizzazione che sia più moderna e snella, ma che allo stesso tempo tenda a porre l’accento sulla squadra rispetto alle individualità. È altrettanto importante dare la possibilità a ciascuno di esprimere al massimo il proprio talento. A prescindere da questo momento storico la Ferrari è stata, è e sarà sempre di più l’autorità massima nel motorsport.

 

Stefano Infranti
Buongiorno Dottor Mattiacci, quale pensa sia stata la scelta più sbagliata fatta nella progettazione della F14 T? Power Unit? Areodinamica? O crede che siano state fatte più scelte sbagliate in quasi tutti i campi di progettazione della vettura? Grazie! Sempre Forza Ferrari!
Marco Mattiacci
Ci sono state decisioni che dal punto di vista tecnico non hanno pagato quanto quelle prese dai nostri avversari. Penso però che questo tipo di discussione vada affrontato all’interno del team. Abbiamo ben chiare quali sono le aree in cui non siamo competitivi: si tratta di un percorso a medio-lungo termine che cercheremo di velocizzare, ma che in generale richiede un’impostazione strategica molto diversa rispetto al passato.

 

Balint Treuer
Aldo Costa e Luca Marmorini hanno detto molte cose interessanti a proposito della Ferrari, e in particolar modo del caos che regnerebbe nella squadra. Qual è la sua opinione sulle loro dichiarazioni?
Marco Mattiacci
Penso che lavorare per la Ferrari, come ho detto fin dal primo giorno, non sia un mestiere qualunque: è una missione. Per questo credo sia estremamente difficile per chiunque lasciare la nostra azienda. Tuttavia, nel mondo del lavoro mi piacciono le persone disposte sempre a combattere per le proprie idee e pronte a sfidare lo status quo, nei luoghi appropriati e senza scendere ad alcun compromesso.

 

Leonardo Sabato @leo_sa86
La Ferrari ha realmente intenzione di tornare ai vertici della Formula 1? In tal caso non è ora di far sentire il proprio peso per cambiarla?
Marco Mattiacci
Prima di tutto la squadra per tornare a vincere deve pensare a migliorare se stessa, la performance del gruppo e lo sviluppo della vettura. Dobbiamo essere innovativi ed esserlo prima degli altri. La Ferrari è una delle protagoniste della Formula 1, la cui voce è sempre ascoltata: è chiaro che bisogna creare una comunione di intenti per capire veramente quello che deve essere il prodotto Formula 1 in futuro. Crediamo che oggi siano in atto discussioni che evidenziano quelle che sono le potenzialità di miglioramento di uno sport già di per sé fenomenale.

 

Pablo @Pab977
Non crede sarebbe meglio un campionato con 16 GP, ma più test (utili allo sviluppo) e paddock aperti ai tifosi, almeno ai test?
Marco Mattiacci
Penso che sia importante allargare il bacino di utenza della Formula 1, fisicamente e mediaticamente, a più paesi possibili. Allo stesso tempo ritengo fondamentale riportare i test nel nostro sport: questo per dare la possibilità ai giovani talenti di crescere ed essere messi alla prova, per consentire ai team di sviluppare le proprie vetture e trovare nuove soluzioni. Prima di tutto, però, i test possono essere sfruttati per riavvicinare il pubblico alla Formula 1, magari con modalità rivolte piú all’intrattenimento e al coinvolgimento dei singoli tifosi.

 

Magaddino Franck8819 @Franck8819
Secondo lei quando potremmo vedere la Ferrari lottare per il titolo mondiale?
Marco Mattiacci
Quello che posso promettere è che lavoreremo al massimo per tornare competitivi nel minor tempo possibile, per regalare agli appassionati weekend che diano più speranze di lottare fino all’ultimo chilometro e all’ultima curva per vincere.

 

SHAMS @ShamsRMCF
Avete già cominciato a lavorare sulla vettura del prossimo anno?
Marco Mattiacci
Certamente. E lo stiamo facendo capitalizzando l’esperienza del 2014 che, a suo modo, è stata fondamentale.

 

Francisco Chuvieco @FranChuvi10
In vista della stagione 2015, ha preso delle decisioni per tentare di favorire la relazione tra il reparto motori e quello che si occupa dell’aerodinamica?
Marco Mattiacci
Si. Oggi James Allison è a tutti gli effetti a capo del progetto con una responsabilità chiara: a lui spettano coordinamento e supervisione delle diverse divisioni.

 

Hymy @IceOneLove
Come descriverebbe, in tutta onestà, il suo rapporto con i dipendenti?
Marco Mattiacci
Primus inter pares… Sono uno di loro.

 

Gianlu D’Alessandro @Gianlu_DAle
Un Team Principal che rapporti ha con i tecnici che lavorano a Maranello?
Marco Mattiacci
La figura del Team Principal ha il compito di portare leadership, stabilire gli obiettivi, offrire alle persone che lavorano una visione complessiva, che vada oltre la pura tecnica. Deve consentire ad ogni individuo di esprimere al meglio il proprio talento e mantenere forte l’allineamento tra i vari reparti.

 

Thiago Zwetsch @originalgsus
Cosa occorre per avere una brillante carriera all’interno della Scuderia Ferrari di Formula 1?
Marco Mattiacci
C’è una formula per il successo in ogni avventura professionale, che vale non solo in Ferrari: lavorare più dei colleghi!

 

Valerio Giannattasio
Cosa si aspetta da Spa-Francorchamps fino alla fine del campionato? Quale considerazione ha di Fernando Alonso?
Marco Mattiacci
A Spa e Monza mi attendo delle gare molto difficili, dove saranno più evidenti i valori in campo e i margini di vantaggio delle vetture dei nostri avversari. Saranno gare complesse ma le affronteremo con il massimo cinismo, adottando anche strategie aggressive e cercando di cogliere tutte le opportunità che si presenteranno. Per quanto riguarda Fernando Alonso è senza dubbio uno dei piloti più forti del mondo.

 

Charles Turner
Potrebbe dirmi cosa apprezza di più dei suoi due piloti?
Marco Mattiacci
Di Fernando apprezzo la passione e la voglia di vincere e lottare sempre. Di Kimi mi piace la freddezza e il suo amore puro per la guida. Tutto quello che non riguarda questo aspetto è probabilmente secondario nella sua vita. Apparentemente sono due personalità diverse, ma con molti lati in comune.

 

Marco Privitera @privitera_marco
Dopo Max Verstappen in Toro Rosso, perché non Raffaele Marciello o Antonio Fuoco in Marussia?
Marco Mattiacci
La FDA rappresenta una parte molto importante, strategica, dello sviluppo del team nel futuro. È chiaro che in Formula 1 l’età dei piloti si sta abbassando moltissimo. Detto questo, ci sono differenti sistemi per lo scouting e la formazione di giovani talenti. Per quella che è la nostra filosofia continueremo ad investire e a migliorare la FDA che è nata solamente quattro anni fa. Naturalmente lavoreremo anche per cercare di dare degli sbocchi ai nostri piloti, e questa è una delle aree sulle quali stiamo concentrando i nostri sforzi.

 

Matteo Mastrodonato @MattyKrasic
Vedremo mai una Scuderia-B, un po’ come Red Bull Racing e Scuderia Toro Rosso, per dare un’occasione alle giovani promesse?
Marco Mattiacci
E’ un dato di fatto che vanno create delle opportunità per i piloti della Ferrari Driver Academy (FDA) che ha lo scopo di formare nuovi talenti. Occorre creare delle possibilità attraverso le quali mettere alla prova questi giovani, e farli crescere fino ad essere pronti per un top team. Stiamo esplorando metodi e soluzioni nuovi per continuare a lavorare in questo ambito e attualmente sono in discussione diverse possibilitá.

 

Assia Bellamy
Quando era un teenager seguiva la formula 1? Chi era il suo pilota preferito?
Marco Mattiacci
Sì, la seguo da sempre. E tra i miei piloti preferiti c’erano Ayrton Senna, in primis, poi Gilles Villeneuve e Michael Schumacher.

 

Steve Barlow
Salve Marco, che cose degli Stati Uniti le piacerebbe avere con sé a Maranello?
Marco Mattiacci
Il caffè di Starbucks!

 

Adrián Zoltán Kovács
Quale è stata la cosa più strana che ha trovato in Formula 1?
Marco Mattiacci
Il grande interesse per gli occhiali da sole…

 

Roberto Valenti
Twitter: @RobertoVal94


Stop&Go Communcation

La Scuderia Ferrari ha invitato i suoi tifosi a porre alcune domande, tramite i canali […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/07/A1G8873-630x3001.jpg #askMarco: Mattiacci risponde alle domande dei tifosi