Sono in molti nel paddock a ritenere che Daniel Ricciardo, nominato quest’anno collaudatore della Toro Rosso, possa rappresentare una grossa “spina nel fianco” per Jaime Alguersuari e Sebastien Buemi, specialmente nel caso uno dei due non dovesse ottenere prestazioni all’altezza delle aspettative.

Il pilota australiano, che proseguirà inoltre l’impegno in F.Renault 3.5 (questa volta con il team ISR), guiderà nelle prove libere del venerdì mattina, alternandosi di volta in volta con uno dei titolari.

Alguersuari, in ogni caso, non si dice preoccupato. “Penso che sia molto importante per noi vedere Daniel in macchina. È un corridore veloce e avremo una voce in più nel team per capire dove migliorare e dove abbiamo bisogno di lavorare. È fantastico per lui avere ottenuto questa chance di girare al venerdì, facendo conoscenza dei tracciati. Si tratta di una componente chiave nel box”, si legge su Autosport.

Il driver spagnolo minimizza anche le ipotesi che vedrebbero in Ricciardo un elemento destabilizzante, dando l’impressione di avere molta convinzione nei propri mezzi. “Alla fine, sta sempre a te gestire la pressione. Non viene mai dagli altri, ma da te stesso: sei tu a crearla nella tua mente. Non è una cosa negativa, anzi. Non ho paura di saltare un turno di prove, perché ad essere onesti non facciamo poi tanti chilometri in quell’occasione”.

“Lo scorso anno inoltre ha potuto testare la Red Bull, una vettura molto competitiva, e questo ci consentirà di fare alcuni paragoni”.


Stop&Go Communcation

Sono in molti nel paddock a ritenere che Daniel Ricciardo, nominato quest’anno collaudatore della Toro Rosso, possa rappresentare una grossa […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-080311-02.jpg Alguersuari non teme la pressione di Ricciardo alla Toro Rosso