Il verdetto del tribunale di Monaco di Baviera (18 mesi con la condizionale per la rissa con Eric Lux dello scorso aprile), è stato accolto con rammarico da Adrian Sutil. Il pilota tedesco si trova senza dubbio nel momento più difficile della carriera, anche perché senza un volante per continuare in Formula 1, dopo cinque stagioni alla Force India e un 2011 di altissimo livello.

“Forse mi prenderò un po’ di tempo. Forse farò qualcosa di completamente diverso, per riflettere con tranquillità”, ha detto il 29enne teutonico, lasciando intendere la volontà di concedersi un periodo sabbatico. “Se non altro sono riuscito a stringere la mano al signor Lux. Questo è positivo”.

Christiane Thiemann, il giudice che ha presieduto il caso, ha sostenuto che Sutil sia stato fortunato a evitare il carcere, rimediando “solo” la sospensione della pena: “Le condanne che superano i dodici mesi, normalmente, non vengono sospese”. A favore di Sutil, ha spiegato la Thiemann, è stata tenuta in considerazione la sua attuale situazione e il fatto di non avere alcun precedente. La sanzione è stata ritenuta “sufficiente”, e avrà probabilmente “serie conseguenze” a livello professionale.

“Non posso dire che chiunque voglia lavorare con me”, ha poi ammesso il diretto interessato all’agenzia di stampa SID.

Il suo manager, Manfred Zimmermann, è tuttavia convinto di poter rivedere in pista il proprio assistito: “Questo non significa che non abbia futuro in F1. Non ci saranno conseguenze con la FIA e le sue doti al volante non ne hanno risentito”.

In realtà questo sembra un aspetto ancora da chiarire: il codice di condotta voluto da Jean Todt, numero uno della Federazione, potrebbe portare al ritiro della Superlicenza per Sutil.


Stop&Go Communcation

Il verdetto del tribunale di Monaco di Baviera (18 mesi con la condizionale per la rissa con Eric Lux dello […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/02/f1-310112-04.jpg Adrian Sutil: “Forse mi prenderò un po’ di tempo per riflettere”