Nonostante la FIA abbia in programma, a partire dal prossimo Gran Premio del Belgio, di rendere più restrittivi i controlli sulla flessibilità degli alettoni, Adrian Newey ha non ha intenzione di apportare modifiche all’ala anteriore delle Red Bull. Allo stesso modo della Ferrari, il team angloaustriaco ha realizzato un’appendice che, flettendosi, va quasi a “sigillare” al terreno la monoposto, creando una sorta di effetto suolo che aumenta in maniera importante il carico aerodinamico a disposizione, a tutto vantaggio delle performances.

Il responsabile della McLaren, Martin Whitmarsh, è arrivato addirittura a sostenere che questa soluzione possa garantire un vantaggio di un secondo al giro, e che un eventuale passo indietro potrebbe essere determinante nello spostare gli equilibri in campo.

“Non credo comunque che dovremo effettuare alcuna variazione”, ha dichiarato Newey all’emittente ITV. “Attualmente la FIA prevede un peso di 50 chili per una flessione di 10 millimetri, mentre presto saliremo a 100 chili per non più di 20 millimetri. In altre parole la volontà è di assicurare che il profilo non sia non lineare in ogni caso”.


Stop&Go Communcation

Nonostante la FIA abbia in programma, a partire dal prossimo Gran Premio del Belgio, di rendere più restrittivi i controlli […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-120810-041.jpg Adrian Newey: “Non credo serva apportare modifiche all’alettone anteriore della Red Bull”