Si è spento a 85 anni l’ex costruttore Guy Ligier, in Formula 1 con il proprio team dal 1976 fino al 1996 e vincitore di nove Gran Premi iridati.

Nato a Vichy nel lontano 1930, Ligier iniziò a praticare rugby e canottaggio per poi passare al motociclismo, correndo anche nel Motomondiale. Disputò anche 12 Gran Premi di Formula 1, conquistando un punto iridato al Gran Premio di Germania nel 1967. Con la morte dell’amico Jo Schlesser abbandonò la carriera di pilota per fondare un proprio team, partecipando prima al Mondiale per le Sport Prototipo e poi, dal 1976, al Mondiale di Formula 1.

Con le vetture celesti, il costruttore francese si tolse la soddisfazione di vincere ben nove gare iridate, la prima nel 1977 con il suo pupillo Jacques Laffite. Tra il 1979 e il 1980 visse l’epoca d’ora per la propria squadra, con Laffite primo rivale delle Ferrari nell’anno del titolo di Jody Scheckter e il 2° posto nella Coppa FIA la stagione successiva.

Col passare degli anni il team iridato non fu più competitivo ed entrò in crisi. Ligier cedette la scuderia nel 1992 all’imprenditore Cyril de Rouvre, che mantenne il nome e fece vivere il canto del cigno alla squadra al Gran Premio di Monaco del 1996, con Olivier Panis primo sul circuito monegasco. Alla fine tutta la baracca venne ceduta ad Alain Prost che fondò il suo team.

Dopo l’avventura in Formula 1, Guy entrò nel mercato di fertilizzanti guadagnando una fortuna e si occupò successivamente nella costruzione e commercializzazione di micro-cars per il traffico urbano. Il suo nome era ritornato nel mondo delle corse con la vettura LMP2 che corre nel WEC e l’ultimo sogno era quello di costruire una LMP1.

Luca Basso


Stop&Go Communcation

Si è spento a 85 anni l’ex costruttore Guy Ligier, in Formula 1 con il proprio team dal 1976 fino […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/08/f1-ligier-laffite-24082015-1.jpg Addio all’ex costruttore Guy Ligier, morto a 85 anni