16 gennaio 2012: si terrà in questa data l’udienza presso l’Alta Corte Inglese che vedrà contrapposte Force India e Team Lotus, in cui sarà definitivamente accertata l’accusa di un possibile furto di proprietà intellettuale mossa da parte della scuderia indiana già nei mesi scorsi. “Nessun altro commento sarà rilasciato fino a che l’udienza sarà conclusa e sarà annunciata una decisione”, si legge nel comunicato diffuso oggi dalla stessa Force India.

I primi fatti della vicenda risalgono all’agosto del 2009: la Force India dal 2008 collaborava con l’azienda italiana Aerolab, utilizzando la galleria del vento di Brackley (nel Regno Unito) per accelerare lo sviluppo aerodinamico della VJM-02 e della VJM-04. Questo fino a quando la stessa Force India ha deciso di interrompere il rapporto per il timore di una fuga di informazioni riservate.

“La Force India ritiene che Aerolab Srl, durante la durata del contratto con il team, abbia rivelato la sua proprietà intellettuale a 1Malaysia Racing Team e Mike Gascoyne, con la quale Aerolab Srl stava cooperando all’epoca attraverso una compagnia affiliata. La proprietà intellettuale è stata usata per la realizzazione della Lotus T127”.

La 1Malaysia è la struttura dietro cui si cela l’attuale Team Lotus (nel 2010 Lotus Racing), alla cui corte è approdato il direttore tecnico Mike Gascoyne dopo l’analogo incarico ricoperto nella formazione con sede a Silverstone.

Anche qui in Italia, dove è legalmente registrata la Aerolab, sono in corso procedimenti per verificare la violazione dei progetti Force India. In precedenza la scuderia di Vijay Mallya ha già versato un risarcimento da un milione di euro per la conclusione unilaterale dell’accordo.


Stop&Go Communcation

16 gennaio 2012: si terrà in questa data l’udienza presso l’Alta Corte Inglese che vedrà contrapposte Force India e Team […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-070311-08.jpg A gennaio 2012 l’udienza sul caso legale tra Force India e Lotus