Toyota Racing ha presentato la TF108, la vettura che parteciperà al Campionato Mondiale di Formula 1 FIA 2008 e sulla quale la scuderia nipponica ha riposto tutte le sue aspettative. Nel centro tecnico di Colonia, in Germania, i vertici della scuderia Panasonic Toyota Racing hanno presentato i piloti Jarno Trulli, Timo Glock e Kamui Kobayashi in occasione del lancio della TF108 davanti ai media e a migliaia di tifosi che hanno potuto seguire l’evento dal vivo da tutto il mondo sulla website ufficiale del team nipponico.

La grinta, la determinazione e il desiderio della Toyota di soddisfare i propri ambiziosi obiettivi ha avuto un ruolo vitale nello sviluppo della TF108, che rispetto alle vetture precedenti dispone di un passo più lungo, di aerodinamica e sospensioni decisamente migliori e di un cambio completamente nuovo. I test e le simulazioni nella galleria del vento hanno accertato i notevoli miglioramenti della TF108 rispetto alla vettura precedente, tanto da convincere la Toyota che il proprio obiettivo a lungo termine, salire il più possibile sul podio e lottare per il Campionato mondiale, questa volta sia a portata di mano.

Il Presidente e Team Principal Tadashi Yamashina ha affermato: "E’ naturale che il nostro obiettivo sia il gradino centrale del podio. Siamo in Formula 1 per vincere e desideriamo farlo al più presto. Il nostro obiettivo principale per il 2008 è di migliorare la performance perché i risultati dello scorso anno non ci hanno soddisfatto. Siamo certi di avere una vettura molto competitiva, in grado di mettere i nostri piloti in condizione di andare regolarmente a punti e di lottare per un posto sul podio."

Il team ha lavorato senza sosta per finalizzare il prototipo della TF108, mettendo in pratica soluzioni innovative e osservando i ben noti principi del Toyota Way che promuovono l’innovazione e lo spirito combattivo. Come fa notare Yamashina-san: "Nel nostro stabilimento sono tutti estremamente motivati e si spingono oltre ogni limite alla ricerca del miglioramento continuo secondo il kaizen".

"Lo straordinario lavoro del team e l’efficienza delle comunicazioni tra i vari reparti hanno sicuramente favorito lo sviluppo ottimale della TF108. Tutti hanno lavorato e lavorano in armonia e sono molto soddisfatto di questo. Si è creato uno spirito di squadra eccellente. Questo team ha un potenziale elevatissimo, lo spessore delle persone e le risorse a disposizione sono impareggiabili e abbiamo tutte le ragioni per essere fiduciosi."

Dal momento del suo debutto in Formula 1 nel 2002, il Panasonic Toyota Racing ha rafforzato la sua posizione e ha messo a frutto le esperienze acquisite. Costruire l’intera vettura, telaio e motore, con una squadra nuova sotto lo stesso tetto è stata una decisione difficile ma importante, perché ora tutto il personale del centro tecnico di Colonia è impaziente di ottenere i risultati che merita e sta facendo passi da gigante verso l’obiettivo più ambito.

Il presidente John Howett ha affermato: "Siamo certi di presentarci sulla griglia di partenza della stagione 2008 in ottima forma, ne siamo convinti. Stiamo lavorando assiduamente e con profitto. Il progetto TF108 ha preso il via il giorno stesso in cui la TF107 è entrata in pista, e da quel momento lo sviluppo della nuova vettura è stato rigoroso e costante, come è giusto che sia in Formula 1, dove lo spirito agonistico e le pressioni sono ai massimi livelli. In primo luogo è stato necessario identificare i principali elementi che contribuiscono al miglioramento della performance per poter dirigere le dovute risorse verso tali aree. Personalmente ho potuto notare i miglioramenti significativi e costanti della vettura, ma anche le nostre concorrenti non saranno sicuramente rimaste immobili. Per questo sono convinto che l’indice relativo di miglioramento della performance sia assolutamente vitale. Dobbiamo lavorare più duramente e in modo più intelligente rispetto ai nostri avversari."

La TF108 è radicalmente diversa, dentro e fuori, dalla vettura precedente, sia grazie alle innovative soluzioni realizzate dalla squadra che ai cambiamenti imposti dal regolamento. In Formula 1 la tecnologia cambia in continuazione e i nostri progettisti devono tenere il passo, apportando cambiamenti significativi alla TF108. Una delle principali modifiche riguarda l’aumento dell’interasse, la distanza tra l’asse anteriore e quello posteriore.

Pascal Vasselon, Senior General Manager Chassis, spiega: "Il passo più lungo ci consente una maggiore stabilità, con un notevole impatto sul potenziale di sviluppo dell’aerodinamica, ampliando il settore d’intervento del nostro team di ingegneri preposti allo sviluppo dell’aerodinamica."

Oltre al passo più lungo, la TF108 presenta un assetto aerodinamico completamente nuovo e un innovativo lay-out delle sospensioni. "L’assetto aerodinamico della vettura è cambiato," aggiunge Pascal. "La TF107 era una versione aggiornata della TF106 ma la nuova vettura rappresenta un cambiamento radicale rispetto alle ultime Toyota. L’aerodinamica della TF108 è basata su una filosofia di progettazione che prevede l’ottimizzazione dell’intero pacchetto. Per quanto riguarda la meccanica eravamo soddisfatti del pacchetto esistente e pertanto abbiamo apportato solo dei ritocchi."

Un elemento chiave della filosofia Toyota Way è il genchi genbutsu – risalire alla fonte – e nello sviluppo della TF108, Pascal e il suo team hanno analizzato le caratteristiche della TF107 alla ricerca di soluzioni per migliorare la performance. Pascal ha affermato: "Nel 2007, la performance complessiva non ha raggiunto i livelli sperati, e sicuramente ci sono state delle carenze. I principali obiettivi dello sviluppo della TF108 sono lo sviluppo dell’efficienza aerodinamica e della manovrabilità. Per il 2008 vogliamo una vettura che offra margini operativi più ampi."

I miglioramenti non sono limitati allo sviluppo del telaio. Per la TF108 è stato sviluppato un nuovo cambio, ma soprattutto una nuova centralina ECU per il motore RVX-08. Il regolamento 2008 prevede l’utilizzo della stessa centralina ECU da parte di tutte le scuderie e il divieto di impiegare ausili per il pilota come il traction control e il freno motore. La modifica della centralina standard rappresenta una sfida importante, spiega Luca Marmorini, Senior General Manager Engine: "In un motore da Formula 1 e, in senso lato, nel motore di qualsiasi autovettura moderna, anche le parti meccaniche sono controllate dall’elettronica e pertanto le modifiche interessano radicalmente l’intera vettura. In un motore che gira ad alti regimi, come nelle vetture da Formula 1, i veri cambiamenti sono concentrati nella dinamica dei sistemi di controllo. L’adattamento della centralina rappresenta un grosso investimento dal punto di vista dello sviluppo."

Ancora una volta non sarà possibile sviluppare nuove motorizzazioni, per cui le modifiche previste sui motori esistenti si focalizzeranno sul miglioramento dell’affidabilità. Il lavoro di sviluppo da parte di Luca e del suo team non è diminuito, ma è solamente stato convogliato su altre aree. Il team ha lavorato maggiormente sull’utilizzo effettivo del motore, cercando di ottenere tutta la performance offerta dal pacchetto a disposizione e di migliorare gli elementi del gruppo motore sui quali si può ancora operare. L’obiettivo del team è di ottimizzare la performance del motore attraverso l’integrazione della nuova centralina senza l’ausilio del traction control.

"Il nostro lavoro ha un effetto positivo sulla performance e sui tempi sul giro, ma non si tratta di cambiamenti enormi, perché le restrizioni del regolamento non ci consentono di farli," afferma Luca. "Dobbiamo lavorare entro dei limiti ben definiti ma, nonostante ciò, siamo riusciti a sviluppare soluzioni interessanti e prevediamo risultati positivi nel 2008."

Naturalmente il lancio di una nuova vettura è solo il primo passo. Il Panasonic Toyota Racing ha definito obiettivi ambiziosi per la sua nuova vettura e lo sviluppo continuerà intensamente fino alla prima gara della stagione in Australia il 16 marzo, quando sarà disponibile il pacchetto aerodinamico definitivo.

TIl team è pronto ad affrontare la sfida, afferma Pascal: "Tutti hanno lavorato duramente per raggiungere questo stadio, ma c’è ancora tanto da fare. Ora ci concentreremo prima di tutto sulla comprensione delle caratteristiche della vettura in pista per poter identificare l’indirizzo del set-up e dello sviluppo. C’è tanto lavoro da fare per ottimizzare il potenziale della vettura prima dell’inizio della stagione e non ci concederemo pause."

Il lavoro riprenderà immediatamente dopo la prima apparizione su pista della TF108 il 13 gennaio, alla quale seguiranno i primi test ufficiali il giorno seguente a Jerez. Prima che la stagione prenda il via ci saranno altre cinque sessioni di test e la speranza del Panasonic Toyota Racing è di portare a termine questa fase con una vettura più competitiva possibile.

Nella foto, la TF108


Stop&Go Communcation

Toyota Racing ha presentato la TF108, la vettura che parteciperà al Campionato Mondiale di Formula 1 FIA 2008 e sulla […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/toyota2008.jpg A Colonia calano i veli sulla Toyota TF108, l’arma di Trulli e Glock