Evitata la trappola del 107 per cento, per la Marussia il Gran Premio d’Australia è andato ben oltre le aspettative: Timo Glock e Charles Pic hanno chiuso al 14° e 15° posto, con una vettura, la MR01 che aveva percorso appena 100 chilometri nel precampionato.

Per Glock, che proprio ieri festeggiava il 30esimo compleanno, la soddisfazione è notevole. “È stata una grande gara per il team, un premio per tutto il duro lavoro degli ultimi mesi. Bisogna sottolineare che siamo venuti qui senza aver realmente girato con la nuova macchina… aver tagliato il traguardo senza alcun problema è qualcosa di veramente speciale”, ha detto il tedesco, bravo a schivare tutti i guai e a concentrarsi su se stesso.

Pic, che a Melbourne ha fatto il suo esordio in F1, è rientrato ai box a due tornate dal termine per motivi precauzionali, ma è stato comunque classificato 15°. Il francese ex GP2 ha dovuto affrontare un debutto fra i più complicati di sempre, ma ha superato la prova.

“Tutto è andato abbastanza bene, ma nel finale, a causa di un problema idraulico, mi sono dovuto fermare. È un peccato non essere arrivato in fondo, ma ho chiuso 15° e sono felice, considerando le difficoltà del nostro inverno”, ha commentanto il rookie transalpino.

Approfittando della non-qualificazione della HRT e del doppio ritiro delle Caterham, la Marussia ha lasciato l’Albert Park al 10° posto nel Mondiale Costruttori: per il momento questo è il massimo possibile, e i piazzamenti ottenuti potrebbero essere molto difficili da battere per le due rivali dirette.

“Ora però ricomincia subito la preparazione, abbiamo tanto da fare per migliorare”, ha precisato da buon leader Glock.


Stop&Go Communcation

Evitata la trappola del 107 per cento, per la Marussia il Gran Premio d’Australia è andato ben oltre le aspettative: […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f1-190312-01.jpg 14° Glock, 15° Pic: in Australia risultati preziosi per la Marussia