Il ritorno del figliol prodigo … E' forse la frase più adatta per annunciare l'operazione Pellizzato-Cram. Già perchè il giovane driver veneto, emigrato con successo alle ruote coperte in sella ad una Viper della Racing Box, tornerà a calarsi nell'abitacolo della sua tanto amata Tatuus di Formula Renault 2.0 nel gran finale di Monza del 13-14 ottobre prossimo. E proprio nello stesso chassis che lo vide esordire la scorsa stagione nella serie tricolore coi colori della Cram. Una annata in chiaro-scuro che lo vide sempre in auge nelle prove libere, per poi regredire in qualifica. Ma erano decisamente altri tempi, in cui la Cram sfoggiava un tris d'assi composto da Zaugg, Piscopo e Alguersuari dotati della livrea Red Bull, con Pellizzato e la "meteora" Baracchi in versione original Cram. Una chance dell'ultima ora o un viaggio premio? Un pò tutte e due le cose a giudicare dal rendimento del ragazzo di Venezia, che ha conquistato stima e fiducia del team novarese con podi e vittorie a ripetizione nell'Endurance GT Series. Ma anche una chance per togliersi quel dubbio e soddisfazione di come sarebbe potuto essere il suo futuro nelle ruote scoperte con quell'annata in più d'esperienza.

Con l'ingresso/ritorno di Pelizzato alla Cram e il solito apporto dei tre moschettieri (Zampieri, Zonzini, Campana) saranno quattro le monoposto della Rosei band a Monza. Rientra quindi il debutto di Andrea Borio, rimandato al prossimo Winter Trophy di Vallelunga nelle due settimane di novembre (10-11 e 17-18). Una sola perplessità: come farà Pellix, questo il suo nome di battaglia, a dividersi fra Formula Renault ed Egts nello stesso weekend di gara? "Sarà dura senza dubbio – ha dichiarato Pellizzato ai microfoni di Stop&Go ma non vedo l'ora di esserci. Che bello! Tornare nella Formula più dura del lotto, che avevo lasciato con qualche rimpianto prima di avventurarmi nelle ruote coperte. E proprio nelle ruote coperte, invece, ho trovato quella gloria che cercavo. Sarà un ritorno al passato con sguardo al futuro. Due soddisfazioni in una, in quanto cercherò in ogni modo di vincere nell'Egts, cercando di mettermi poi in mostra in F.Renault 2.0 al volante della monoposto più blasonata del circo. Sarà un fine settimana massacrante che mi vedrà correre da una parte all'altra del paddock; scendere dalla Viper di Racing Box e correre verso la tenda della Cram con la Tatuus dei blues ad aspettarmi. Manterrò solo casco e Hans, che strano … Per questa emozione non posso che ringraziare Luca Canni Ferrari e Ferdinando Geri che, oltre ad avermi accolto a braccia aperte nel team e insegnato i segreti del Gt, hanno deciso di farmi il regalo più bello".

Una situazione rara, paradossale, che ricorda un pò le scorribande di Giacomo Agostini fra 250 e 500 nel Motomondiale di qualche anno fa … In bocca al lupo Pellix

Nella foto, Pellix con la casacca Racing Box


Stop&Go Communcation

Il ritorno del figliol prodigo … E' forse la frase più adatta per annunciare l'operazione Pellizzato-Cram. Già perchè il giovane […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/pellix.jpg I – Andrea Pellizzato “globetrotter” a Monza, fra F.Renault 2.0 con Cram ed Egts con Racing Box !!!