In esclusiva per Stop&Go, il pilota brasiliano della Teo Martín Motorsport ha analizzato questa prima parte di stagione nell’EuroFormula Open e ciò che c’è da migliorare.

In questa stagione dell’EuroFormula Open è arrivata dal Brasile una pattuglia di piloti veloci ed esperti, con tanta esperienza nella Formula 3 locale; tra questi troviamo Pedro Cardoso, al debutto nella categoria dopo aver conquistato il titolo la Formula 4 sudamericana nel 2015 e un buon 7° posto della F.3 brasiliana lo scorso anno. Con la Teo Martín Motorsport sta disputando quest’annata di corse che, al momento, non ha regalato particolari gioie.

Di seguito, in esclusiva a Stop&Go, le parole di Pedro Cardoso in merito a questa prima parte di stagione e ai prossimi appuntamenti.

– Cosa ne pensi di questa prima parte di stagione dell’EuroFormula Open?

“Penso che in questa parte di stagione non sia andata bene, ci aspettavamo di essere più alti in classifica ma dobbiamo migliorare sia sulla guida che sull’auto.”

– Al momento hai raccolto solamente un 10° posto come miglior risultato: c’è ancora qualcosa da migliorare sulla vettura o in altri aspetti?

“Certo, la vettura è migliorata rispetto alle prime prove ma c’è molto da fare. Ho avuto molte questioni tecniche da risolvere sia nelle prove libere che nelle sessioni ufficiali che ci hanno fregato; il team è nuovo e sono fiducioso sul fatto che se continuiamo a lavorare possiamo migliorare.”

– Dopo aver trascorso un anno nella Formula 3 brasiliana, quali sono le differenze nel correre in Europa e in una categoria come l’EuroFormula Open?

“La grande differenza è come lavorano le gomme nell’EuroFormula Open, ma ci stiamo abituando e migliorando ogni giorno; inoltre, le velocità massime in Brasile sono un po’ più alte ma questo non cambia di molto la guida.”

– Cosa ti aspetti nelle prossime gare? Secondo te quale sarà il week-end più interessante?

“Spero di migliorare i nostri risultati, l’obiettivo è quello di entrare nella top-10 in ogni corsa da qui alla fine, oltre, se possibile, di lottare per la vittoria o per il podio. Attendo le gare in Spagna quali Jerez e Barcellona, ma anche le restanti del campionato.”

Cardoso scenderà in pista all’Hungaroring questo week-end, in occasione della quarta tappa del campionato dell’EuroFormula Open.

English version

– What do you think about this first part of the EuroFormula Open season?

“I think this first half of the season has not been good for us, we surely expected to be higher in the standings but we got to keep working and improve both driving and the car.”

– A 10th place as your best result so far: is there still something to improve on the car or in other parts?

“Sure, the car has gotten better from the first practices but still there is a very long way to go. I also had many technical issues on both free practices and official sessions so that screwed us in a very big way and the team is very new and I am confident that if we keep working we can get there.”

– After one year in the Brazilian Formula 3, which are the differences in racing in Europe and in a category like EuroFormula Open?

“The biggest difference is how the tyres work here in EuroFormula Open, but we are getting used to it and improving every day; also, the top speeds in Brazil are a bit higher but that does not change much the driving.”

– What do you expect from the upcoming races? Which is the most interesting weekend for you?

“I expect to improve our results by a lot, the goal is to be in the top-10 for every race from now on, also, if possible, fight for wins and podiums. I really look forward to the races in Spain like Jerez and Barcelona but I will love to race in every track of the championship.”

Photo credits: © 2017 Fotospeed

Luca Basso


Stop&Go Communcation

In esclusiva per Stop&Go, il pilota brasiliano della Teo Martín Motorsport ha analizzato questa prima parte di stagione nell’EuroFormula Open […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/06/efo-teomartin-cardoso-27062017-1-1024x681.jpg EuroFormula Open, Esclusivo – Pedro Cardoso: “Dobbiamo migliorare, punto ad entrare con costanza nella top-10”