Toyota si presenta in cerca di rivincita all’appuntamento di casa, la 6 ore del Fuji, settimo appuntamento del World Endurance Championship 2017.

Il costruttore giapponese, che qui lo scorso anno trionfò con Kamui Kobayashi, Mike Conway e Stèphane Sarrazin, a tre gare dal termine non può più permettersi passi falsi se vuole mantenere accese le residue speranze di vittoria finale dell’equipaggio della TS050 Hybrid #7, che rivedrà al volante Anthony Davidson, assente ad Austin per motivi familiari.

L’obiettivo consiste nel fermare le Porsche 919 Hybrid, che a partire da Le Mans hanno conseguito punteggio pieno con Brendon Hartley, Earl Bamber e Timo Bernhard, lanciati verso il titolo, aiutati nell’operazione dalla vettura gemella nelle ultime tre doppiette consecutive della casa di Stoccarda. Per la tappa nipponica, i vertici tecnici Porsche hanno optato per il kit ad alto carico che ha debuttato al Nurburgring.

Attesa al Fuji anche la decisione da parte di Toyota sulla partecipazione o meno all’intera “super season” WEC 2018/2019

Si è riaccesa invece la lotta per io titolo in LM P2, grazie alla vittoria dell’Alpine che ha avvcinato Gustavo Menezes, unico a disputare fin qui tutti i round per la squadra diretta da Philippe Sinault, ai battistrada di DC Racing e Rebellion.

Ancora più incerta la lotta tra i piloti in GTE-Pro, dove in 7 punti sono compresi ben quattro degli otto equipaggi iscritti, mentre tra i costruttori, Ferrari può ora vantare un robusto vantaggio di 40 e 41 punti su Ford ed Aston Martin.

In GTE-Am sono tre gli equipaggi che possono ancora laurearsi campioni, con l’equipaggio dell’Aston Martin, tornati alla vittoria al COTA, a vantare 4 punti di vantaggio sulla Porsche Proton e 14 sulla Ferrari del Clearwater Racing.

Tornando ai piloti invece, oltre al ritorno del popolare “Ant”, l’unica novità di rilievo negli equipaggi dei prototipi consiste nell’ingaggio una tantum di James Rossiter al posto di Alex Lynn sull’Oreca LM P2 del G-Drive. La giovane promessa inglese sarà infatti impegnata con il team Virgin DS Racing di Formula E.

Cambia anche la line-up dell’Aston Martin #97, diventando anch’essa a due piloti, con Daniel Serra che non farà più compagnia in abitacolo a Darren Turner e Johnny Adam. Mike Hedlund infine sostituirà Michael Wainwright, costretto in patria da impegni professionali, in seno al Gulf Racing UK iscritta in GTE-Am.

Le attività in pista al Fuji inizieranno alle 11 di venerdì 13 ottobre con le prime libere, mentre lo start della 6 Ore del Fuji avverrà esattamente due giorni dopo, alle 11 di domenica, ora locale.

Piero Lonardo

L’entry list della 6 Ore del Fuji


Stop&Go Communcation

Rientra Davidson. Rossiter in G-Drive al posto di Alex Lynn

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/10/toy_cotA-1024x682.jpg WEC – Toyota in cerca di rivincita al Fuji