La Porsche 919 Hybrid partirà domani in pole position per la 6 Ore di Spa, seconda prova del mondiale FIA WEC. I due piloti designati per le qualifiche, Neel Jani e Marc Lieb, che in gara verranno affiancati da Romain Dumas, hanno riportato la miglior media complessiva, battendo di poco più di 6 decimi la Toyota TS040-Hybrid di Sebastien Buemi ed Anthony Davidson Lapierre.

Lo svizzero ha anche segnato il miglior tempo assoluto durante il suo turno di guida, a gomme fresche, con 2.00.334; un tempo monstre comunque se si considerano le condizioni della pista, resa nuovamente scivolosa dalla pioggia caduta a intermittenza dopo il secondo turno di libere.

Jani è raggiante per il grande risultato acquisito “Il primo giro a gomme fredde non è stato facile ma poi ho segnato un buon tempo e ho detto a Marc, adesso tocca a te. E siamo riusciti a conquistare la pole per Porsche già alla seconda gara.” Alla domanda diretta ha però confessato che per domani si auspica sicuramente delle migliori condizioni meteo. “Sappiamo che per noi la corsa sarà comunque tutta un’altra storia – ha terminato l‘ex-Rebellion – Sarà dura, perché stiamo ancora cercando l’affidabilità e purtroppo ci sono tante cose che si possono rompere.”

Terza posizione per l’Audi R18 e-tron quattro meglio piazzata, quella di Andrè Lotterer e Marcel Fassler, davanti alle seconde macchine di Toyota e Porsche. A seguire le altre due Audi, con la #3, quella di Marco Bonanomi e Filipe Albuquerque fortemente penalizzata dalla configurazione a basso carico per Le Mans.

Nico Prost e Mathias Beche portano a compimento la missione completando la qualifica con la Rebellion R-One, anche se con tempi da LM P2. Come confermatoci dal pilota francese, “l’assetto non era assolutamente dei migliori”. Ma d’altra parte, erano troppe le variabili in gioco “La macchina comunque è apparsa subito buona, e bisogna ricordare che si tratta di un progetto a lungo termine e molto impegnativo”

Nessun giro cronometrato invece per “Dodo” Kraihamer e Fabio Leimer con la seconda R-One, apparsa nuovamente in pista ma con evidenti problemi di misfire.

Prima pole in LM P2 per l’Oreca-Nissan del KCMG di Richard Bradley ed Alexandre Imperatori. Il miglior tempo però è stato segnato da Roman Rusinov con la Morgan del G-Drive. Purtroppo Olivier Pla non è riuscito ad eguagliare il miglior tempo del russo, ed è stato sopravanzato anche dall’unica Oreca SMP presente, dopo il crash della #37 nel pomeriggio.

DSC06079

Prima dei prototipi come al solito sono scese in campo le GT. Qui Toni Vilander e Gianmaria Bruni ci hanno regalato un’altra delle loro grandi prestazioni tornando in pole nella GTE-Pro. “Grazie all’intuizione di Toni – ha affermato il romano, campione GTE in carica – abbiamo fatto montare gomme usate rodate, ed è andata benissimo. Un bel lavoro di squadra.” Bruni ha infatti segnato nel suo turno anche il miglior giro assoluto della categoria.

Sembra adattarsi bene questa Ferrari su di una pista così scivolosa.. “Si ma domani slick tutta la vita.” Rispetto a Silverstone l’Aston Martin sembra più in forma. “Sì han fatto secondi – ha terminato Bruni – ma in queste condizioni la differenza la fanno il pilota e la strategia della squadra.” Non possiamo che essere d’accordo con l’alfiere di AF Corse. Terza e quarta in griglia ci saranno in agguato le due Porsche Manthey.

Pole per AF Corse anche in GTE-Am grazie a Marco Cioci e Mirko Venturi, anche se il miglior tempo assoluto è stato segnato da un’altra F458, quella di Michele Rugolo.

Appuntamento a domani per la gara, con start alle 14.30. La seconda Rebellion al momento non figura nella griglia di partenza

UPDATE: La direzione gara ha ammesso al via la Rebellion R-One #13. Andrea Belicchi partirà dalla pitlane dopo che tutte le altre macchine avranno compiuto il primo giro.

Piero Lonardo

I risultati delle Qualifiche

la griglia di partenza


Stop&Go Communcation

Grandi ancora una volta Bruni e Vilander in GT

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/05/Porsche14_Qual-1024x575.jpg WEC – Spa, Qualifiche: Jani e Lieb regalano la prima pole alla Porsche