Secondo appuntamento stagionale in programma questo weekend per il mondiale FIA WEC con la 6 Ore di Spa-Francorchamps, con un plateau di partenti aumentato a 35 unità, ben 4 in più rispetto a Silverstone. Le maggiori novità proprio nella classe regina, la LM P1.

L’Audi porterà come pianificato ben tre R18 e-tron quattro. In addizione alle due già schierate con il massimo profitto a Silverstone per Kristensen / McNish / Duval e Lotterer / Treluyer / Fassler, sarà presente una terza vettura, distinguibile dal numero 3, per Oliver Jarvis, Marc Gené e Lucas di Grassi, denominata “long-tail”, coda lunga. Nelle aspettative dei vertici Audi si tratta di un pacchetto aerodinamico, peraltro poco distinguibile dall’esterno, volto a garantire maggiore downforce nella prossima 24 Ore di Le Mans, testa la scorsa settimana all’autodromo di Monza.

Per controbattere i prototipi dei quattro cerchi, tacciati durante la scorsa settimana di aver ricercato, come le odierne F1, soluzioni ai limiti del regolamento per quanto riguarda gli scarichi, la Toyota, reduce anch’essa da una sessione di test a Portimao, farà debuttare la versione 2013 della sua TS030 Hybrid (nella foto), nelle mani dell’equipaggio #7 polesitter in Gran Bretagna tre settimane or sono, composto da Alexander Wurz e Nicolas Lapierre, affiancati per la prima volta nel 2013 da Kazuki Nakajima.

La nuova vettura vanta un nuovo pacchetto aerodinamico che va a compensare il maggior peso minimo di 15 kg imposto per il 2013 alle LMP1 dei costruttori, insieme ad un sistema ibrido accreditato di 300 HP di potenza in addizione ai 530 generati dal 3.4 V8 aspirato. La Toyota #8 di Davidson, Buemi e Sarrazin correrà invece ancora per l’ultima volta con la macchina vista a Silverstone.

Immutato lo schieramento delle altre P1 private, con le due vincenti Lola Rebellion e l’HPD dello Strakka Racing chiamata a rimediare alla disastrosa prova in casa.

Tra le LM P2, ritorno del Gulf Racing Middle East con una Lola-Nissan per Frederic Fatien, Fabien Giroix e Keiko Ihara.  Al team Lotus fa ritorno l’ex collaudatore McLaren e BAR-Honda F1 James Rossiter al fianco di Vitantonio Liuzzi e Kevin Weeda, al posto di Cristophe Bouchut, mentre gli altri equipaggi che dovranno dare battaglia ai vincitori di Silverstone della Delta-ADR sono inalterati.

In GTE-Pro l’Aston Martin, dominatrice del season opener, aumenta la propria presenza con una terza Vantage V8. Bruno Senna, vincitore in Inghilterra, verrà spostato sulla #98 con Frederic Makowiecki e Rob Bell, mentre sulla #97 verrà sostituito da Peter Dumbreck. La terza entry sarà condotta da Pedro Lamy, Paul Dalla Lana e dal debuttante neozelandese Richie Stanaway, che rientra nel motorsport di vertice a quasi un anno di distanza dal terribile incidente in Formula Renault 3.5, avvenuto proprio sul circuito belga.

Immutati gli equipaggi di Porsche e Ferrari, chiamati alla riscossa dopo la non felice prova inglese.

Tra le GTE-Am infine, da segnalare una nuova Ferrari F458 per AF Corse per l’equipaggio franco-americano composto da Mallegol, Bacheler e Blank, già visti a Silverstone in LMES.

Apertura delle ostilità venerdì 3 maggio per le prime libere. Gara il giorno successivo.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Secondo appuntamento stagionale in programma questo weekend per il mondiale FIA WEC con la 6 Ore di Spa-Francorchamps, con un […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/04/Toy2013.jpg WEC – Spa, Preview: La Toyota 2013 e l’Audi coda-lunga guidano la carica dei 35