Finalmente tutto pronto per il season opener del FIA WEC, la 6 Ore di Silverstone. Il circuito inglese, come da previsioni meteo, si risveglia sotto un cielo scurissimo e le prime gocce di pioggia fanno sì che la direzione gara dichiari la gara “Wet race”. Libertà di gomme quindi, ma il gruppo di testa ritiene di potere partire ancora con le slick.

La partenza è spettacolare come non mai: Lucas Di Grassi sull’Audi R18 e-tron quattro #1 tenta subito il sorpasso sulla Toyota TS040-Hybrid in pole di Alexander Wurz. L’austriaco però resiste di forza e al ternine del primo giro anche Sebastien Buemi sulla seconda Toyota, che nel frattempo aveva già avuto la meglio sulle due Porsche 919 Hybrid di Neel Jani e Timo Bernhard, approfitta dell’entrata del straight per avere la meglio su entrambe le Audi e transita secondo davanti alle due Audi di Lotterer e Di Grassi, che nel frattempo si sono scambiate le posizioni

In GTE-Pro Gianmaria Bruni mantiene la pole sulle due Porsche di Nick Tandy e Fred Makowiecki, mentre dietro Davide Rigon tiene a bada Darren Turner sulla prima Aston Martin. In GTE-Am Sam Bird in controllo sulla Aston di Pedro Lamy, mentre Klaus Bachler sulla Porsche Proton transita in P3.

Passati soli 5 giri le due Audi hanno la meglio su Buemi per la seconda e terza piazza assoluta poco prima che inizino i primi doppiaggi, mentre iniziano i problemi per Nic Minassian sulla Oreca SMP LM P2, mentre davanti Olivier Pla conduce sulle quattro entries presenti.

Dopo 20’ si infiamma la battaglia in GT e Nick Tandy dopo un lungo ed entusiasmante duello ha la meglio su Gimmi Bruni a Brooklands. La battaglia si ripete qualche minuto dopo ed il romano è costretto a cedere anche alla seconda Porsche di “Mako”.

Davanti Lotterer, che stava spingendo, si è riportato alle spalle di Wurz e sfruttando i doppiaggi e l’entrata del rettilineo principale, passa addirittura in testa alla gara. Wurz cerca furiosamente di rientrare, ma per ora invano. Nel frattempo inizia a piovere più forte.

Stop in pista per Minassian, che è poi costretto a rientrare nuovamente ai box proprio mentre iniziano i primi pit stop. Inizia Makowiecki con la Porsche seconda in GTE-Pro, poi tocca a Buemi con la Toyota in P3 che monta ancora le slick sotto la pioggia battente, mentre Lotterer fatica sotto la pressione di Wurz, che nel frattempo è rientrato. L’austriaco però non porta a termine l’inseguimento optando per il box e per le wet.

Ai 45’ di gara primo doppio grosso colpo di scena. Lucas Di Grassi fuori sulla sabbia alla Woodcote con l’Audi #1 mentre la Porsche di Jani è costretta ai box senza la ruota anteriore sinistra. Gara compromessa e lungo intervento che costa 10 giri.

Davanti la tattica Toyota paga e, mentre la pioggia accenna a calare, Buemi riprende Lotterer, che non si è ancora fermato, e lo passa di prepotenza prendendo la testa della gara. La sosta dell’Audi #2 permette a Wurz di agguantare la seconda piazza per una momentanea doppietta Toyota, proprio mentre l’Audi #1 incidentata rientra lentamente ai box.

Al termine della prima ora, in LM P2, Matsuda con l’Oreca del KCMG ha preso la testa della categoria sulla Morgan del G-Drive di Olivier Pla.

In GTE-Pro Toni Vilander ha rilevato Bruni e viaggia ora terzo dietro le due Porsche di Makowiecki e Tandy, che si sono scambiati le posizioni, mentre in GTE-Am infine, Pedro Lamy, che non ha ancora rifornito con la sua Aston Martin, conduce su Gianluca Roda con la Ferrari dell’ 8 Star Motosport e la seconda Aston Martin.

Piero Lonardo

La classifica al termine della prima ora


Stop&Go Communcation

Le Porsche menano la danza in GT

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/04/StartWEC.jpg WEC – Silverstone, Start: Le due Toyota in controllo. Problemi per Audi e Porsche