Levataccia per i concorrenti del FIA WEC, costretti ad aprire il programma della giornata con l’ultima ora di libere, sotto un sole insperato ma pista umida.

La miglior prestazione di questa sessione va insospettabilmente a Nick Heidfeld e alla Lola Rebellion con 1.47.993, che conquista anche anche la terza piazza con Andrea Belicchi, a sandwich tra le due Audi e-tron quattro. Le Toyota non si impegnano più di tanto anche perché la pista è insidiosa e alle qualifiche mancano poche ore.

Non molto altro da segnalare, salvo svariate uscite di strada di cui sono state vittime anche Audi e Toyota, se non il botto della Porsche del Proton Competition con Christian Ried, che impedirà la partecipazione della vettura alle successive qualifiche.

Nel primo pomeriggio la pista è sempre più umida, e c’è anche da fare i conti con il nuovo format delle qualifiche stesse, che impone giri da parte di due piloti con media aritmetica per stabilire le posizioni in griglia. Alla fine, grazie ad una più oculata scelta dei pneumatici in funzione delle mutevoli condizioni meteo, la spuntano le due Toyota, che monopolizzano la prima fila con Alexander Wurz e Nicolas Lapierre primi con la media di 1.48.021 davanti a Anthony Davidson, Sebastien Buemi e Stéphane Sarrazin  con 1.49.995.

Seconda fila a sorpresa per l’Audi #2 di Allan McNish, Tom Kristensen e Loic Duval con 1.51.283 e la Lola Rebellion di Neel Jani, Nick Heidfeld e Nicolas Prost, con il tedesco che ha segnato il secondo miglior tempo della sessione. Anche la terza fila ripete l’accoppiata Audi-Rebellion.

Problemi per la settima ed ultima LMP1 in gara, l’HPD dello Strakka Racing, che non riesce a completare i quattro giri minimi imposti dal regolamento e partirà dal fondo dello schieramento.

In LM P2, è l’Oreca del Delta-ADR di James Walker, Antonio Pizzonia e Tor Graves a conquistare la pole di categoria, mentre la vettura gemella del G-Drive Racing partirà nella fila successiva. A fianco delle due barchette francesi, due delle tre Morgan schierate dall’Oak Racing.

Ottima la gestione delle qualifiche del Team Aston Martin, che nella prima parte della sessione, dedicata alle GT, ha portato tre delle quattro coupè V8 davanti a tutti, siglando le pole sia in PRO che in AM. La miglior media è stata siglata dalla #97 di Darren Turner, Stefan Mucke e Bruno Senna.

A ruota le due Porsche 911 RSR del Team AG Manthey, mentre alla prima delle Ferrari, la F458 AF Corse #51 di Bruni e Fisichella va solamente il 16mo tempo assoluto. 18ma, dopo la quarta Aston Martin, la seconda Ferrari di Kobayashi e Vilander.

Appuntamento a domani alle ore 12.00 per lo start della 6 Ore di Silverstone.

Piero Lonardo

La classifica delle libere-3

I risultati delle Qualifiche

La griglia di partenza


Stop&Go Communcation

Levataccia per i concorrenti del FIA WEC, costretti ad aprire il programma della giornata con l’ultima ora di libere, sotto […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/04/DSC06152_toy7.jpg WEC – Silverstone, Libere 3 e Qualifiche: Prima fila Toyota, Aston domina in GT