Le due Audi R18 iniziano al meglio le prove della 6 Ore di Shanghai, penultimo appuntamento del FIA WEC 2015.

Come avvenuto nelle ultime gare, sono le R18 e-tron quattro a comandare il gruppo nei primi 90’ di libere del mattino. Sotto un clima favorevole e una temperatura più primaverile che autunnale, Andrè Lotterer ha fatto presto fermare i cronometri su 1.45.707, imitato poco dopo dal compagno Lucas di Grassi, a 6 decimi.

Seconda fila virtuale per le Porsche 919 Hybrid che questo weekend potrebbero chiudere in anticipo la pratica mondiale, con Mark Webber e Marc Lieb comunque ben distanziati nello spazio di 1”2. Chiudono la classifica delle P1 ibride le Toyota, con Alex Wurz che su questa pista è finora riuscito a mantenere il distacco entro i 2”.

Dominik Kraihamer e la Rebellion #13 hanno infine avuto per ora la meglio su Pierre Kaffer e la CLM P1/01 del Team ByKolles tra le P1 private.

In attesa del verdetto finale sui fattacci del Fuji, Richard Bradley ha vinto sul filo di lana la prima sfida tra le LM P2 con l’Oreca 05 del KCMG, segnando il miglior tempo con 1.55.069, solo 77 millesimi meglio di Sam Bird con i rivali del G-Drive.

Porsche senza rivali invece in GTE-Pro, con Patrick Pilet autore di un tempo monstre di 2.04.785 che ha tenuto a oltre 6 decimi il capoclassifica Richard Lietz. Solo P4 e P6 per le due Ferrari F458 di AF Corse, alla penultima gara della loro gloriosa carriera, nelle mani di Davide Rigon e Toni Vilander.

Si conferma infine in forma in questo finale di campionato la Corvette Larbre, che con Paolo Ruberti stacca di un nulla, rispettivamente 34 e 36 millesimi, il quasi campione della categoria Andrea Bertolini con la Ferrari dell’SMP Racing e Pedro Lamy con l’Aston Martin #98, col tempo di 2.06.039.

La seconda sessione di libere in programma alle 15.30 ora locale.

Piero Lonardo

La classifica delle Libere 1


Stop&Go Communcation

Le Porsche al top in GTE-Pro

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/10/Audi7b.jpg WEC – Shanghai, Libere 1: Audi subito davanti