Sarà la mitica “Red Sonja”, l’Audi R18 numero 1, a partire in pole nel primo appuntamento della storia del World Endurance Championship, la nuova serie mondiale patrocinata dalla FIA nata quest’anno sulle ceneri dell’esperimento ILMC. Le qualifiche odierne del season opener di Sebring hanno visto ancora una volta la supremazia indiscussa della squadra dei quattro cerchi, coronata da una tripletta con Andrè Lotterer in pole position con il tempone di 1:45.820 sulla #1 a precedere di 4 decimi Tom Kristensen sulla #2. Terza a oltre un secondo la vettura incidentata ieri, la #3, con Romain Dumas.

Come primo dei prototipi a benzina si è confermato Klaus Graf con la HPD del Muscle Milk con un ottimo 1:47.536 che fa ben sperare per la gara e per il campionato ALMS. Ben  distanziata la Oak-Pescarolo Judd di Guillaume Moreau, che precede le altre due HPD del JRM e dello Strakka Racing. Parziale delusione per le due Lola Rebellion Toyota, con Neel Jani ottavo davanti al nostro Andrea Belicchi. Chiude la top ten la Pescarolo di Emmanuel Collard.

In LMP2 l’unico serio incidente di queste qualifiche, protagonista la HPD del 055 Level 5 Motorsports con Christophe Bouchut, uscito alla curva 1 poco dopo aver segnato la pole provvisoria. Migliore tempo finale ad Olivier Pla con la rediviva Morgan-Judd, incidentata ieri durante le libere, col tempo di 1:50.467. A poco meno di 4 decimi Stéphane Sarrazin con la HPD dello Starworks Motorsport e a oltre 1” dalla barchetta nipponica la Zytek-Nissan dei campioni ELMS in carica del Greaves Motorsport condotta da Elton Julian.

Seconda pole consecutiva a Sebring per AF Corse e Gianmaria Bruni (nella foto), che ha portato la sua F458 Italia a segnare 1:58.427, frantumando il record della pista di oltre due secondi, ma con un piccolo spavento per un’uscita di strada alla curva 17 nel giro di lancio del secondo stint che poteva rivelarsi fatale per la GT schierata da Amato Ferrari.

Seconda un’altra F458, quella del Luxury Racing con Jaime Melo, a 3 decimi. Seconda fila virtuale per le due Corvette ufficiali di Jan Magnussen e Oliver Gavin. Delusione in prova per le BMW e per le Porche: solo sesta la prima M3 con il campione regnante ALMS Joey Hand e addirittura ottava la prima 997 del Flying Lizard.

Domina ancora il rosso nella GTE-Am, con Dominik Farnbacher in pole per Luxury Racing in 2:00.184 davanti alla vettura gemella del Krohn Racing con Nic Jonsson. Solo terza e distanziatissima – ad oltre 1”5 – la prima Corvette del Larbre Competition con il veterano Pedro Lamy.

Debutto vincente – almeno in qualifica – per RSR Racing in LMPC con una vecchia volpe delle piste d’oltreoceano, Bruno Junqueira, che tenta l’avventura in ALMS per rifarsi delle ultime delusioni in IndyCar, culminate con la nota cessione del suo posto in griglia all’ultima 500 miglia di Indianapolis a favore dell’Andretti Autosport.

Tra le GTC infine, affermazione parziale per Sean Edwards e la sua Porsche Cup con i colori MOMO schierata dalla NGT Motorsport, che pè riuscita nell’ompresa di precedere in griglia i rivali della Green Hornet di Damien Faulkner di soli 23 millesimi.

Domani alle 8.00 (ora locale) il warm-up. La 60ma edizione della 12 Ore di Sebring partirà alle 10.30, sempre locali.

Piero Lonardo

I risultati delle qualifiche


Stop&Go Communcation

Sarà la mitica “Red Sonja”, l’Audi R18 numero 1, a partire in pole nel primo appuntamento della storia del World […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/1200195_ccl.jpg WEC – Sebring, Qualifiche: Pole a Lotterer. Ancora un grande Bruni in GT!