Alla testa della gara niente di rilevante da segnalare. Le tre Audi procedono con un passo assolutamente inarrivabile per gli altri concorrenti e la sensazione è quella che si voglia concedere un’ultima vittoria sulla R18 TDI, alla sua ultima apparizione, all’equipaggio “simbolo” del motorsport a quattro cerchi dell’ultimo decennio.

Tom Kristensen, che ha rilevato Capello allo scadere della seconda ora, continua a condurre le danze precedendo di oltre 11” Benoit Treluyer e di 57” il neo acquisto Loic Duval. Dietro, la Lola Rebellion di Nicolas Prost ha approfittato di qualche piccolo problema delle due HPD di Muscle Milk, quarta, e di Strakka Racing, scivolata addirittura al 10mo posto assoluto, per acquisire il primato fra le vetture a benzina. Dietro il team campione ALMS 2010 riemerge un’altra barchetta del sol levante, quella del JRM, leggermente attardata in partenza ed affidata ora all’ex HRT F1 Karun Chandhok, che sta ben figurando. 

In LM P2 allo scadere della terza ora è salita al comando la prima delle due HPD del Level 5 Motorsport di Ryan Hunter-Reay, seguita a mezzo minuto dall’Oreca Nissan Signatech di Olivier Lombard. Cambia però tutto qualche minuto dopo i 180 minuti di gara. Il tutto a causa di due crash che tolgono di scena l’ex alfiere dell’Andretti Autosport, vittima di un contatto con la Porsche GTC dell’Alex Job Racing, e la barchetta franco nipponica, che tampona addirittura la Ferrari F458 di Jaime Melo, leader delle GT. A differenza del francese, la vettura del cavallino riesce a proseguire dopo le opportune riparazioni ai box. Primato momentaneo quindi per la regolarissima Oreca di Luis Perez Companc.

In GT il testimone passa alla Corvette di Richard Westbrook, che precede di poco più di 1”6 la seconda Ferrari di AF Corse ora condotta dal “neopromosso” Marco Cioci. Dietro i due emergono l’Aston Martin Vantage ufficiale di Stefan Mucke e le due inesorabili BMW M3 di Joey Hand e Jorg Muller, ancora tutte a diretto contatto.

Nella GTE-AM procede indisturbata la F458 Italia del Krohn Racing con alla guida il team owner Tracy Krohn, il quale riesce a tanere a debita distanza la Corvette Larbre e la Porsche Felbermayr-Proton

Grande battaglia anche in LM PC con le prime tre Oreca di FLM racchiuse nello spazio di 5”6. Ricardo Vera (Performance Tech) precede ora Roberto Gonzalez (RSR) ed Henri Richard (Dempsey Racing) .

Infine tra le Porsche Super Cup GTC primato parziale per Alex Job Racing, con Townsend Bell davanti a Chris Cumming con la entry del JDX racing, che ha nel frattempo superato la 997 di Carlos Kauffmann dell’NGT Motorsport.

I risultati della terza ora.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Alla testa della gara niente di rilevante da segnalare. Le tre Audi procedono con un passo assolutamente inarrivabile per gli […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/L9-IMG_8571.jpg WEC – Sebring, 3a Ora: Audi indisturbate. Cambio della guardia in P2 e GT