L’endurance è una delle poche discipline motoristiche che non è stata ancora saggiata dal Red Bull Racing. Il team quattro volte campione del mondo di F1 potrebbe però presto affrontare il World Endurance Championship e la 24 ore di Le Mans, almeno secondo quanto affermato dal Dr.Helmut Marko poche ore or sono.

L’eminenza grigia delle attività motoristiche di Milton Keynes ha reso infatti noto ad un noto media che, stante l’attuale mancanza di un Patto della Concordia nonché di un preciso indirizzo tecnico per la stagione 2021 del mondiale di F1, il team potrebbe decidere di volgere altrove le proprie attenzioni, magari proprio verso lw corse di durata.

Complici i nuovi regolamenti tecnici previsti per la stagione 2020-2021, un’opzione percorribile sarebbe già in vista, mediante la partnership con l’Aston Martin, attuale sponsor Red Bull in F1, insieme alla quale Red Bull Technologies, nella persona del progettista Adrian Newey, ha recentemente realizzato la Valkyrie, la costosissima supercar stradale, andata inmmediatamente sold out.

Se però si tratti di una mossa per “suonare la sveglia” a Liberty Media e ai massimi dirigenti della FIA e della F1, allo scopo di sbloccare una situazione quanto mai stagnante – nonostante le recenti proposte avanzate dalla commissione tecnica presieduta da Ross Brawn – oppure di un reale interesse, al momento è difficile a dirsi. Fatto sta che, se la Red Bull è pronta ad affrontare la nuova avventura in F1 con il motore Honda, potrebbe al tempo stesso impegnarsi a vincere Le Mans, specie se andrà in porto la prevista riduzione dei costi in F1, non necessariamente una priorità per il colosso degli energy drink, come confessato da Marko.

Curiosamente, sempre nei giorni scorsi, diverse testate hanno riportato anche un nuovo interesse di Ferrari verso il nuovo regolamento tecnico del World Endurance Championship. Nonostante gli obiettivi finali di questa nuova formula potrebbero essere in qualche modo confacenti alle esigenze di Maranello (che comunque al momento accomuna a Red Bull le perplessità sul prossimo regolamento di F1) ricordiamo che già in estate Ferrari aveva reso noto di non essere particolarmente interessata ad allargare la propria presenza oltre le GT, pur continuando a frequentare le riunioni dei costruttori.

Staremo a vedere se il Cavallino Rampante deciderà di modificare i propri obiettivi, magari partendo dalla già esistente FXX, ma, senza scomodare la monoposto IndyCar commissionata a Gustav Brunner sul finire degli anni ’80, ugualmente realizzata in un periodo di modifica dei regolamenti tecnici della massima formula di monoposto, ricordiamo che qualche anno fa circolarono copiosamente fake rendering di una Ferrari LM P1 che non ebbero, ovviamente, seguito…

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Complici i nuovi regolamenti F1, rispuntano le voci anche di un interessamento Ferrari

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/12/Geneva_Motor_Show__Valkyrie_AMR_Pro_12034-1024x683.jpg WEC – Red Bull verso Le Mans ?