Nei giorni scorsi Rebellion Racing ha reso noto che schiererà una sola R-One nelle prove extraeuropee del WEC.

Dominik Kraihamer, Alexandre Imperatori e Matheo Tuscher, leader tra le P1 private, saranno regolarmente della partita con la R-One #13 da qui sino al Bahrain, mentre non dovremmo più vedere la vettura gemella sin qui affidata a Nico Prost, Nick Heidfeld, Nelson Piquet Jr. e Mathias Beche.

Le modifiche regolamentari che verranno introdotte a partire dalla prossima stagione, modifiche che comprendono variazioni al peso minimo, al motore e all’aerodinamica delle P1 private, allo scopo di rendere più appetibile la categoria, hanno consigliato al team diretto da Bart Hayden di dividere l’impegno, anche economico, della squadra svizzera tra l’attuale stagione e la prossima.

Per una P1 che salta la prossime trasferte, annunciata invece una entry one-shot in LM P2. Si tratta di Greaves Motorsports, che schiererà la vecchia ma ancora competitiva Gibson-Nissan alla 6 Ore del Messico. I piloti destinati alla guida della vettura campione ELMS in carica saranno Roberto Gonzalez, Luis Diaz e Bruno Junqueira.

Roberto Gonzalez è il fratello maggiore di Ricardo, organizzatore della gara e pilota ufficiale dell’RGR by Morand. Per lui 16 partenze in Champ Car per Dale Coyne, Hernandez e PKV, e tre apparizioni in ALMS, dove Luis Diaz è stato campione tra le LM P2 con il Fernandez Racing nel 2009, proseguendo in seguito con il Level 5, insieme al quale disputò la 24 ore di Le Mans 2012 su una HPD ARX-03b LM P2.

Junqueira infine a 39 anni fa il proprio debutto nel WEC, e può vantare una lunga carriera che spazia dalla F.3000 di cui fu campione nel 2000, all’IndyCar Series, con una storica pole nell’edizione del 2002 della Indy 500, e all’endurance a stelle e strisce, dove negli ultimi anni ha corso tra le Oreca PC.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Una Gibson per Greaves in Messico

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/07/Rebellions-1024x682.jpg WEC – Rebellion pensa già al 2017 e riduce l’impegno