Fernando Alonso parteciperà alla prossima 24 Ore di Le Mans con Toyota.

Ne ha dato notizia pochi minuti fa la McLaren, che ha raggiunto un accordo con l’asturiano ed il costruttore giapponese, unico a schierare una LM P1 ibrida alla classica della Sarthe e nella “Super season” 2018/2019 del World Endurance Championship.

Nei giorni scorsi in quel di Daytona, Alonso, che ricordiamo ha concluso in 38ma posizione la sua prima corsa di durata, aveva dato 50/50 le probabilità di gareggiare a Le Mans e provare così a conquistare la “Triple Crown” titolo riservato fin qui al solo Graham Hill, unico ad aggiudicarsi i GP di Monaco di F1, la Indy 500 e la 24 Ore di Le Mans, quest’ultima vinta nel 1972 con la Matra insieme ad Henri Pescarolo.

Ora McLaren, seppur ribadendo che la priorità andrà sempre alla Formula 1, ha affermato che il bicampione del mondo di F1 potrà competere addirittura in ogni round del WEC, a parte il Fuji, in programma il 21 ottobre prossimo, in quanto coincidente con il Gran Premio degli Stati Uniti al Circuit of The Americas.

Le parole di Zak Brown, il Direttore Esecutivo del McLaren Technology Group: “Non è un segreto che Fernando voleva gareggiare alla 24 Ore di Le Mans, e penso che chiunque all’interno della nostra organizzazione non può che apprezzare il fatto che un pilota di classe mondiale motivato, felice ed affamato di risultati quale Fernando è un bene formidabile per qualsiasi team di F1. Lo scorso anno siamo arrivati alla decisione congiunta di correre con Fernando alla Indy 500 piuttosto che al Gran Premio di Monaco, ma abbiamo sempre detto che avremmo considerato qualsiasi opportunità di volta in volta, e sappiamo entrambi che nel 2018 la nostra priorità va alla Formula 1.

“Come Fernando, alla McLaren siamo piloti nel senso più profondo del termine. Il nostro team è stato costruito sulle basi di una coraggiosa eredità fatta di competizioni e successi in diverse categorie del motorsport. Ugualmente importante è la consapevolezza che non venga sottratto nulla al nostro obiettivo della Formula 1 – ha ribadito ancora Brawn – e, dopo un’attenta valutazione, siamo soddisfatti che questa campagna si atterrà a questi principi, così che prevalgano i migliori interessi della McLaren.”

Fernando Alonso ha invece così commentato: “Non ho mai fatto mistero della mia volontà di vincere la ‘Triple Crown’. Abbiamo provato ad Indianapolis lo scorso anno, ci siamo andati vicini ma non è andata bene. Quest’anno ho la possibilità di ringraziare la McLaren per potere correre per vincere a Le Mans. E’ una grande sfida – tante cose possono andare male – ma sono pronto e preparato e non vedo l’ora di gareggiare.”

“Il mio accordo per correre nel WEC è stato reso possibile solamente grazie all’ottima sintonia e alla forte relazione che ho con la McLaren, e sono felicissimo che abbiano capito quanto questo significa per me. Questa sfida non mi distoglierà in alcun modo – ha concluso l’asturiano – dal mio obiettivo principale, che è la Formula 1 con la McLaren. Nel 2018, il mio scopo sarà di essere competitivo ad ogni gran premio, e sono sicuro che siamo vicinissimi a cogliere questo risultato.”

Alonso prenderà il posto di Anthony Davidson, campione WEC 2014 – il quale rimarrà in seno al team come pilota di riserva e sviluppo – sulla Toyota Ts050 Hybrid #8 insieme a Sebastien Buemi e Kazuki Nakajima.

Va infine ricordato che – anche se non specificato nel comunicato McLaren – Fernando Alonso non potrà prendere parte al Prologo WEC, in programma il 6/7 aprile a Le Castellet, in quanto coincidente con il GP del Bahrain.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

L’asturiano, che in Toyota prenderà il posto di Anthony Davidson, darà priorità alla F1 ma sarà presente anche in altri round WEC non concomitanti

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/01/Alonomia-1024x683.jpg WEC – McLaren, ok per Fernando Alonso in Toyota a Le Mans e oltre