Ancora sole e temperature più che primaverili avvolgono il Circuit Paul Ricard per la prima giornata del Prologue WEC. A partire dalle 10, le 35 vetture convenute nel sud della Francia hanno iniziato i test collettivi. Come anticipato ieri, 13 di queste disputeranno un test nel test, vale a dire una simulazione di 30 ore che terminerà domani alle ore 16.

Subito in evidenza le due rinnovate Toyota TS050-Hybrid, con la #8 di Sebastien Buemi e Mike Conway a dettare il passo sul gruppo con lo svizzero a segnare quell’1.34.151 che dopo quattro ore è la migliore prestazione in pista.

La vettura gemella, affidata, oltre ai due piloti di cui sopra, anche ad Josè Maria Lopez, al test driver Anthony Davidson e ad Alexander Wurz, di nuovo al volante dopo due anni di stop, segue ad 1”1 nonostante l’impegno sul test alla distanza.

P3 sorprendentemente per la debuttante Ginetta-Mecachrome del team Manor CEFC, ancorchè a quasi 5” dalla vetta, nelle mani di Alex Brundle. Un buon passo anche per le BR, che seguono a ruota con la migliore di SMP e l’esemplare di DragonSpeed.

Gira con continuità anche la ByKolles, che oltre ad Oliver Webb e Dominik Kraihamer dovrebbe provare anche Tom Dillmann, il cinese Kang Ling, il neoacquisto del team Juncos in IndyCar Renè Binder ed il nostro Marco Bonanomi. Chiude la graduatoria delle LM P1 l’unica Rebellion R13 presente, che a partire da oggi pomeriggio perderà Neel Jani ed Andrè Lotterer, presi da altri impegni concomitanti.

Tra le LM P2 impressiona Pastor Maldonado, al top con l’Oreca del DragonSpeed ed il tempo di 1.41.793, seguito a ruota dall’Alpine Signatech. Buon terzo l’ex-Audi Loic Duval con l’Oreca del TDS. Nessuna rappresentante della categoria cadetta partecipa al test di durata.

In GTE-Pro, le due Ferrari si fanno pregare per presentarsi in pista, anche perché il reale test della versione Evo della 488 GTE campione in carica si è già svolto a Fiorano la settimana scorsa, proseguendo poi a Vallelunga. Spazio quindi agli altri, soprattutto alla Porsche #91, che con l’accoppiata stellare formata da Richard Lietz e Gianmaria Bruni, conduce temporaneamente le danze con 1.52.570.

A seguire, le due Ford, con la #66 di Stefan Mucke, Olivier Pla e Billy Johnson davanti alla #67, incaricata del test di durata. Faticano le due nuove Aston, in fondo alla lista dei tempi, con Alex Lynn e la #97 dietro di oltre 2” alla migliore delle BMW M8 GTE. Anche le vetture bavaresi paiono non eccellere, con qualche disavventura elettrica.

In GTE-Am infine è la Porsche del Gulf Racing UK a primeggiare con 1.53.759 davanti all’Aston Martin del TF Sport. Previsto il test estensivo anche per la Ferrari dell’MR Racing, principalmente per abituare il deb Motoaki Ishikawa alla guida in notturna.

Presentata infine stamani anche la nuova Safety Car Porsche, alla presenza dei vertici ACO, Pierre Fillon e Gerard Neveu, e del presidente dei programmi sportivi Porsche, Frank-Steffen Walliser. La vettura ha già effettuato il suo primo ingresso in pista nella mattinata per un’esercitazione.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Maldonado impressiona con l’Oreca DragonSpeed. Lietz-Bruni comandano in GTE-Pro

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/04/PL54548-1024x682.jpg WEC – Prologue, Start: Le Toyota iniziano col piede giusto