E’ sempre Porsche anche nella terza ed ultima sessione della giornata del Prologue WEC 2016, che si disputa come da tradizione in notturna. Il clima non più caldissimo come in mattinata, ma ancora accettabile per marzo (ricordiamo che siamo sulle alture che sovrastano la Provenza) permette ancora una volta un regolare svolgimento delle operazioni.

Neel Jani esce subito con la Porsche 919 Hybrid e riduce di altri due decimi il miglior tempo del pomeriggio Romain Dumas, portando il limite a 1.37.487, a 2 decimi dal record 2015 nonostante le riduzioni di potenza imposte a termini di regolamento.

Lo svizzero ha poi ceduto la macchina ai due compagni di squadra, che hanno girato con continuità senza però migliorare le proprie prestazioni. Solo 4 giri invece per l’Audi R18 e André Lotterer. Il campione 2013 ha terminato anzitempo le prove dopo un testacoda alla prima chicane, lasciando quindi inalterati i dubbi sulle potenzialità della nuova arma della casa dei quattro cerchi. Vedremo se domani l’equipaggio della #7 lascerà spazio o meno agli altri tre compagni di squadra. Sicuramente Di Grassi e c. sono attesi da una Pasqua lavorativa, in quanto rimarranno a provare a Le Castellet domenica e lunedì prossimi.

Bene ancora la Toyota, che si è avvicinata ulteriormente alla Porsche con Kazuki Nakajima, numero 2 della sessione, a 8 decimi dal battistrada. Per la terza volta ancora nuovo miglior secondo settore, a dimostrazione che forse in casa Toyota sta dominando la pretattica dopo una stagione, quella passata, da dimenticare dal punto di vista dei risultati.

Nico Prost chiude in bellezza la giornata col miglior tempo fra le LM P1 non ibride, 1.42.147, molto vicino al passo medio fin qui dimostrato da Audi e Toyota.

Resiste tra le LM P2 li tempo del pomeriggio di Strakka Racing. La migliore prestazione della sessione per la categoria è attribuita a Gustavo Menezes dell’Alpine #36 con 1.47.782 davanti ai primi due classificati, a classifica invertita, della recente 12 Ore di Sebring, Filipe Albuquerque e Pipo Derani con le Ligier rispettivamente di RGR by Morand ed Extreme Speed.

Tra le GTE-Pro, solo Gianmaria Bruni out, come sempre con profitto, nello stint serale per AF Corse. Suo infatti il miglior tempo della sessione con 1.59.041 con la nuova 488 GTE. Programma finito per la #51, mentre domani i test dovrebbero proseguire con la vettura gemella di Sam Bird e Davide Rigon.

Ford al passo con Billy Johnson e Marino Franchitti, con prestazioni quasi identiche, ad 1” però di distacco dal romano. Aston Martin e Porsche ancora più indietro. Aston in cima alla lista dei tempi infine in GTE-Am con Paul dalla Lana e la Vantage #98.

Domani altre due sessioni. Gli orari definitivi prevedono una sessione mattutina dalle 9 alle 13 e un gran finale nel pomeriggio dalle 14 alle 17.

Piero Lonardo

I risultati della Night Session – Day 1


Stop&Go Communcation

Bruni tiene a bada le Ford

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/03/Ferr51-1-1024x682.jpg WEC – Prologue, Day 1, Night Session: Jani ribadisce il concetto ma Toyota si avvicina