Era nell’aria da tempo, e come anticipato per primi su queste pagine, è di stamane la conferma ufficiale del disimpegno Porsche dalle LM P1 nel World Endurance Championship già a fine stagione.

Il comunicato ufficiale afferma che “Questo riallineamento di strategia quale è una conseguenza della direzione intrapresa dall’azienda con la Strategia 2025, che vedrà Porsche impegnata nello sviluppo di una combinazione di pure vetture GT e vetture sportive esclusivamente elettriche, come la prima vettura stradale alimentata a batteria: la Mission E.”

E ancora Michael Steiner, Membro del Consiglio di Amministrazione e responsabile Ricerca e Sviluppo di Porsche AG. “Porsche sta lavorando con concetti di propulsione alternativi e innovativi. Per noi, la Formula E rappresenta l’ambiente competitivo più avanzato nel quale portare avanti lo sviluppo di vetture ad elevate prestazioni in settori quali la compatibilità ambientale, l’efficienza e la sostenibilità”.

Porsche dal momento del ritorno nel 2014 ha conseguito finora tre vittorie consecutive alla 24 Ore di Le Mans (2015, 2016 e 2017) e i due campionati mondiali costruttori (2015 e 2016), avvalorati anche dai titoli conquistati dai piloti negli ultimi due anni.

Porsche inoltre – prosegue il comunicato ufficiale – manterrà completamente intatto il team LMP1 vincente, compresi i piloti ufficiali. Oltre alle iniziative in altre serie di gare e all’intensa preparazione per la Formula E, Porsche sta esaminando altri campi di applicazione e di sviluppo.

Immutato invece l’impegno delle GT per le nuove 911 RSR nel WEC e nel WeatherTech SportsCar Championship.

Non è tardato molto il commento dell’ACO, l’automobile Club de l’Ouest, organizzatore della 24 ore di Le Mans e patrocinatore del campionato mondiale, che si dichiara “dispiaciuto della precipitosa dipartita, così come della improvvisa decisione da parte di uno dei costruttori più lodati e vincenti nel mondo delle corse.”

“Ad ogni modo – prosegue il comunicato – l’ACO e la FIA, guardiani dell’esistenza e della qualità del FIA World Endurance championship, si sono già messi al lavoro sulla stagione 2018 – una stagione che promette di essere eccezionale grazie all’introduzione di innovazioni. Chiaramente, la riduzione dei costi e la stabilità, ma anche l’inventiva e l’audacia saranno vitali nell’incrementare la spettacolarità e l’attrattiva verso il campionato, mantenendo in primo piano lo sport delle corse di durata.” Dando infine appuntamento alla prima trasferta oltreoceano in Messico del 2-3 settembre prossimi.

Si attendono i commenti dell’unico altro costruttore coinvolto tra le LM P1 ibride, Toyota, che fin qui non ha dato segnali di ritiro ovvero riduzione dell’impegno nel WEC, forte anche di una vettura, la nuova TS050-Hybrid, introdotta ad inizio stagione e quindi con un notevole margine di sviluppo.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Termine a fine stagione per concentrarsi sulla Formula E. Il team non si smantella e prosegue l’impegno in GT

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/07/M17_3388_fine-1024x683.jpg WEC – Porsche, stop alle LM P1