Don Panoz ha gettato un nuovo guanto di sfida a Le Mans presentando oggi a Le Mans la GT-EV. Si tratta di una GT a trazione totalmente elettrica (un motore per ogni asse) la cui caratteristica principale sarà la gestione delle batterie, che a differenza di quanto fin qui proposto sul tema, dovranno essere sostituite ad ogni pit-stop, esattamente come avviene oggi con un rifornimento di benzina.

Il costruttore americano, presente a Le Mans sin dal 1997, ha definito la GT-EV come lo “Holy Grail” (il Santo Graal) del motorsport. Questa nuova GT elettrica sarà sviluppata nei prossimi mesi dalla consociata Green4U presieduta da Jack Perkowski per rispettare le specifiche e le tempistiche necessarie all’accredito quale prossimo “Garage 56”, vale a dire l’invito specifico dell’ACO riservato alle nuove tecnologie, per poi essree in seguito prodotta in versione stradale, come d’abitudine per il marchio della Georgia.

A livello di prestazioni, gli obiettivi della GT-EV sono rappresentati da 400-450 kW di potenza, una velocità massima di 175-180 mph, e soprattutto dalle 90 alle 110 miglia di autonomia in regime di gara.

Nella giornata di mercoledì è stata invece rivelata ai media la Ligier JS P4. La nuova creatura di casa Onroak, che sarà spinta da un motore 3.7 litri V6 di produzione Ford accreditato di 420 HP, è stata ideata per porsi alla base della catena dei prototipi, seppur con specifiche LM P3, vale a dire poco sopra le CN ovvero le futuribili LM P4.

Su questo e su altri temi comunque si apprenderà sicuramente di più venerdì mattina, durante la tradizionale conferenza tenuta dai vertici ACO, Pierre Fillon in testa.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

E Ligier completa la gamma con la JS P4, mini prototipo per i CN

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/06/PANOZ_GTEV-1024x682.jpg WEC – Panoz svela la GT-EV nuova sfida obiettivo Garage 56