La nebbia del primo mattino sull’Eifel lascia presto spazio ad un sole estivo che lascia promettere bene per li prosieguo del weekend della 6 Ore del Nürburgring.

Porsche subito all’attacco della prestazione con Timo Bernhard e Romain Dumas, poi con Mark Webber e Marc Lieb con 1.36.036, che nella foga tampona anche l’incolpevole Francois Perrodo con la Ferrari AF Corse #83.

I tempi stabiliti nelle prime fasi della sessione valgono comunque la vetta della classifica alle due 919 Hybrid, che lasciano Lucas di Grassi con la prima delle Audi R18 e-tron quattro, a 1 secondo dal vertice. Sempre lontane le Toyota, che pur migliorando sensibilmente, non si avvicinano nella graduatoria.

Limano mezzo secondo anche le Rebellion, con Daniel Abt a 1.43.504, anche se ormai sono incalzate dalla CLM P1/01-AER del Team ByKolles, e da Pierre Kaffer.

Cambio della guardia invece tra le LM P2, con Jonny Kane che issa la Gibson 015S-Nissan di Strakka Racing al top della categoria con 1.45.720, a immediato ridosso delle P1 non ibride quindi. Nick Tandy segue a 1 decimo con l’Oreca 05-Nissan vincitrice a Le Mans del KCMG. Terza e quarta le due Ligier JS P2-Nissan del G.Drive Racing, con Pipo Derani e Sam Bird.

Ferrari alla riscossa in GTE-Pro, con Gianmaria Bruni e James Calado ad occupare i primi due posti della classifica. Il romano conduce con 1.43.331, mezzo secondo meno di Alan McDowall, che ha praticamente ripetuto la prestazione di ieri pomeriggio che è valsa a Richie Stanaway il top temporaneo della categoria. A seguire le due Porsche 911 RSR di Frederic Makowiecki e Patrick Pilet.

Earl Bamber, recente vincitore a Le Mans, segna un tempone con la Porsche dell’Abu Dhabi-Proton Racing in GTE-Am con 1.55.288, spiazzando Pedro Lamy, ancora una volta il migliore fra le Aston, che nel finale si porta a mezzo secondo dal kiwi, dopo aver ripreso la vettura da Paul Dalla Lana, vittima di un curioso fuoripista nella via di servizio tra fotografi e commissari, a seguito di una foratura.

Tutti pronti per le qualifiche, a partire dalle 14.00, come sempre suddivise tra GT e Prototipi, 20’ ognuna.

Piero Lonardo

La classifica delle Libere 3


Stop&Go Communcation

Ferrari torna padrona in GTE-Pro

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/08/Ferr51.jpg WEC – Nürburgring, Libere 3: Porsche allunga