Le nuvole scurissime che si erano addensate nel primo pomeriggio sopra il circuito del Nürburgring hanno via via lasciato spazio al sole ed al bel tempo, col risultato che i tempi ne hanno risentito positivamente.

Le Porsche 919 Hybrid iniziavano subito a menare la danza, prima con Brendon Hartley, poi con Neel Jani e infine con Mark Webber, che a due terzi di sessione sopravanzava di un nulla il pilota svizzero. L’Audi R18 e-tron quattro #7 fino a quel momento aveva girato poco, bloccata ai box da un problema all’anteriore, ma sono bastate poche tornate a Benoit Treluyer per ristabilire le distanze dai “cugini” e fissare il miglior tempo con 1.37.862.

Loic Duval era il migliore dell’altra Audi, e si piazzava ad 1” dal trio di testa. Lontanissime ancora le Toyota, con Mike Conway migliore dei suoi, ma ripetendo il distacco sostenuto nel primo turno.

Nick Heidfeld ancora una volta primo tra le LM P1 non ibride, con la Rebellion R-One ed il tempo di 1.44.105. Passi da gigante per la CLM P1/01-AER del Team ByKolles, con Pierre Kaffer che lima ben 4” e si avvicina sensibilmente ai prototipi svizzeri.

Si ripete il trio di testa del mattino tra le LM P2, con Sam Bird che sopravanza il tempo segnato al mattino dal compagno di squadra Gustavo Yacaman con 1.46.299. Migliora anche Jonny Kane con la Gibson Strakka e si porta ad 1”1 dal too della categoria. Quarta piazza per Oliver Webb e la Morgan EVO-SARD del Team SARD Morand, cui finalmente è stato permesso di scendere in pista.

Da segnalare lo sticker in memoria del compianto Justin Wilson sulla parte posteriore della fiancata delle due Ligier JS P2-HPD dell’Extreme Speed.

HPD_Badass

E’ Richie Stanaway il migliore tra le GTE-Pro con l’Aston Martin #99 ed il tempo di 1.54.869, a battere sul filo di lana Toni Vilander, lontano solo 38 millesimi, sulla Ferrari F458 campione in carica. A seguire le altre due Vantage di Stefan Mucke e Marco Sorensen.

Aston Martin che “vede” la doppietta in GTE-Am con Pedro Lamy, ma un super Viktor Shaitar ruba la scena e piazza nel finale la Ferrari dell’SMP Racing davanti a tutti con 1.56.238, lasciando il portoghese a oltre 3 decimi. Terza piazza per la Corvette Larbre con Paolo Ruberti.

Domani in programma un’ultima ora di libere a partire dalle 9.30 e le qualifiche, dalle 14.00

Piero Lonardo

La classifica delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Riscossa Aston Martin in GT

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/08/Porsche18_box.jpg WEC – Nürburgring, Libere 2: Continua il testa a testa Audi-Porsche