Un cielo nuvoloso accoglieva di prima mattina i piloti per la terza ed ultima sessione di prove libere in vista della 6 Ore del Messico. Subito era Audi a segnare il passo e, con Loic Duval prima e Andrè Lotterei poi, si portava sotto i tempi di ieri, ma la zampata giusta, quella che chiudeva i giochi, era di Brendon Hartley con la Porsche numero 1.

Il campione in carica con il tempo di 1.25.387 ad ogni modo ha preceduto Lotterer di solo 1 decimo e Lucas di Grassi di poco meno di 3, lasciando campo aperto a tutte le interpretazioni possibili per la gara, anche perché l’asfalto liscio, poco abrasivo, meteo permettendo, dovrebbe garantire un doppio stint sicuro per tutti i major contender.

A tal proposito si è rivista in pista come da programma la Toyota #6, incidentata nei test di giovedì mattina, che chiude il lotto delle LM P1 ibride, a 1”4 dalla vetta. Purtroppo l’Audi #7 dovrà fare a meno ancora una volta, come al Nurburgring, di Benoit Treluyer, cui verrà risparmiata la gara per essere in forma completa ad Austin fra due settimane.

La lotta a due tra le P1 private vede sempre la Rebellion e Dominik Kraihamer a limare il best crono della categoria, sforando il limite dell’1”30 di soli 53 millesimi, lasciando a 6 decimi Simon Trummer, il migliore oggi per il ByKolles.

Renè Rast pare non avere rivali neanche su questa pista e spinge ancora una volta in alto l‘Oreca 05-Nissan del G-Drive (nella foto) col migliore tempo della sessione di 1.35.555. A mezzo secondo l’altra Oreca ribattezzata Alpine di Nicolas Lapierre; a seguire a sorpresa le due barchette Gibson, con il veterano Bruno Junqueira in P4 al passo dell’ex-ufficiale Toyota. Pochi giri per la vettura di casa, la Ligier dell’RGR by Morand, afflitta da problemi al motore Nissan.

In GTE-Pro sono ancora le Aston Martin a dettare legge, questa volta con Richie Stanaway, autore di 1.39.496, davanti a Marco Sorensen. Stefan Mucke è il primo degli altri, a 1”, con la migliore delle Ford GT. Indietro le Ferrari, per una volta fanalino di coda del lotto, dietro anche alla Porsche del Dempsey-Proton.

Parlando di Porsche, ancora una volta in questo weekend una 911 RSR è in testa alla graduatoria delle GTE-Am, grazie al “solito” Patrick Long, che piazza la vettura dell’Abu Dhabi-Proton Racing davanti a tutti con 1.41.823, davanti all’Aston Martin di Pedro Lamy e all’altra Porsche del Gulf Racing UK.

Tutto è pronto per le qualifiche, come sempre separate fra GT e prototipi, a partire dalle 14.10 ora locale

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

 


Stop&Go Communcation

Treluyer salta anche il Messico

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/09/Gdrive-1024x682.jpg WEC – Mexico, Libere 3: E’ già testa a testa Audi-Porsche