Come ampiamente previsto, l’ACO ha rilasciato pochi minuti fa una nuova versione di Balance of Performance per le GT.

Dopo le rimostranze di Ferrari, ma anche e soprattutto di Aston Martin e BMW, è stato deciso di rallentare sia le Porsche 911 RSR che le Ford GT, assegnando rispettivamente 10 ed 8 kg extra di zavorra. In parallelo, alle GT inglesi sono stati invece concessi 10 kg – così come alle BMW M8 – ma anche una nuova mappatura più favorevole della pressione del turbo.

5 Kg in meno anche per le due Corvette, mentre alle Ferrari 488 GTE Evo, che sono state prese a modello – a spregio della regola non scritta del BoP, la quale stabilisce che le equivalenze si debbano stabilire a partire della vettura migliore – è stata aumentata di un litro la capacità del serbatoio.

Sicuramente questa modifica fa pensare a tutto il sistema di equivalenza gestito da FIA ed ACO in altri termini. A partire dal warm-up, saranno infatti ben 20 i kg di differenza delle Aston rispetto alle Porsche, detentrici dell’intera prima fila, ma anche nonostante ciò, non potranno essere questi, uniti ai circa 6 HP guadagnati a livello di potenza, a compensare i 5” scontati in qualifica sulle GT di Stoccarda.

Modificate le equivalenze anche in GTE-Am, con le Aston Martin fanalino di coda, alleggerite di 10 kg, al contrario delle Porsche, cui è stata assegnato il medesimo quantitativo di zavorra. Come per le Pro, inalterate le equivalenze delle quattro Ferrari iscritte nella categoria.

Con queste premesse, la parola tornerà alla pista a partire da domattina alle 9 con il warm-up della 86ma 24 ore di Le Mans, che partirà come di consueto alle 15.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Appesantite le Porsche in pole sia in GTE-Pro che in Am

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/06/PL55713-1024x682.jpg WEC – Le Mans: Il nuovo BoP delle GT prende come modello le Ferrari