Passato il quarto di gara la lotta a tre per il primato acquista un quarto contender nella Porsche 919 Hybrid #19, condotta a gran ritmo da Nico Hulkenberg in un triplo stint.

Il pilota della Force India F1 ha potutto beneficiare, oltre ai pit sfalsati rispetto alle due Audi all’inseguimento dora con René Rast e Marcel Fassler di una serie di circostanze favorevoli.

In primis la sosta imprevista di Romain Dumas sulla vettura gemella che ha richiesto il cambio del muso, poi la safety car entrata al termine dell’ottava ora per rallentare le vetture a seguito dell’uscita di strada dell’Alpine Signatech di Paul-Loup Chatin a Mulsanne. Infine dello Stop&Go comminato alla Porsche di testa di Mark Webber per un sorpasso in regime di bandiere gialle compiuto in precedenza da Brendon Hartley.

Alla mezzanotte Hulkenberg conduce, con lo stesso numero di 10 soste, di 4” su René Rast e di 25” su Marcel Fassler. La #18 segue, ultima a pieni giri, a 1’52” con il poleman Neel Jani.

Falcidie di vetture in LM P2. Oltre alla già citata Alpine, ritirata ufficialmente anche la Gibson del Greaves Motorsport, i cui problemi elettrici che hanno portato all’insabbiamento nella fase precedente di gara sono risultati fatali. Problemi di diverso genere anche per la capolista KCMG, con uno stop&go di un minuto per un’irregolarità al pit-stop. La penalità avvicina l’altra Oreca-Nissan del Thiriet by TDS e gli altri due inseguitori, con l’Oreca del Murphy Prototypes che cede la terza piazza alla Ligier-Nissan #26 del G-Drive di Roman Rusinov.

Richie Stanaway (nella foto) è riuscito a staccarsi dal pressing della Corvette e ora conduce con 45” di vantaggio su Oliver Gavin, unico a pieni giri in GTE-Pro insieme alla Porsche ufficiale residua di Richard Lietz, salita al terzo posto e uniche vetture a pieni giri. A causa dei problemi occorsi alla Ferrari AF Corse #71, è ora Gianmaria Bruni, tornato al volante della F458 campione del mondo, in quarta piazza ad un giro.

Tra le GTE-Am infine, Pedro Lamy con l’Aston #98 fin qui dominatrice del campionato continua a condurre con relativa tranquillità sulle due Ferrari AF Corse e SMP Racing di Francois Perrodo ed un Andrea Bertolini rientrato al volante della F458 #72 ed in fase di rimonta. Da segnalare il ritiro definitivo della Corvette del Larbre Competition per problemi al cambio.

Piero Lonardo

La classifica alla nona ora di gara


Stop&Go Communcation

Gran botto di Chatin: Alpine out

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/06/Aston99N.jpg WEC – Le Mans, 9a Ora: Hulkenberg tiene alta la guardia per Porsche