Sono sempre tre le vetture in lizza per la vittoria finale dopo oltre tre quarti di gara, ma intorno alle 7 del mattino è cambiato l’ordine delle due Toyota, con la #5 con Sebastien Buemi che ha preso il controllo delle operazioni davanti all’altra TS050-Hybrid di Mike Conway.

La Porsche 919 Hybrid #2 segue a 48” nelle mani di Marc Lieb, unica vettura nel giro dei primi, mentre l’Audi#8 e Oliver Jarvis mantengono la quarta piazza ad un giro, davanti a loro volta alla vettura gemella di Andrè Lotterer a 13 giri dalla vetta.

Anche il motore della CLM del ByKolles ha reso definitivamente l’anima, lasciando la Rebellion #12 quale unica contender tra le LM P1 private, seppur distanziatissima per le vicissitudini di inizio gara.

Il parco delle LM P2 ha perso un paio di protagonisti, con Nelson Panciatici fuori con l’Alpine #35 per cause non ancora conosciute alla prima chicane di Mulsanne. A seguire anche Thiriet by TDS, pure fuori a Mulsanne, trainata ma impossibilitata a proseguire per la rottura dello sterzo. Contatto infine anche fra le due LM P2 a stelle e strisce di John Pew e Tracy Krohn senza però rgravi conseguenze.

Davanti, l’Alpine #36 continua a condurre sull’Oreca del G-Drive ad 1 giro. A seguire la vecchia ma affidabile Gibson di Strakka Racing e la BR01 #27 a 2 giri.

Le Corvette dimezzano l’organico in questa 24 Ore grazie a Tommy Milner, autore di uno spettacolare incidente all’entrata del rettilineo. Grossa paura, anche per il volume delle gomme in volo, ma pilota, che ha ammesso l’errore umano, ok.

La classe GTE-Pro vede ancora davanti la Ferrari del Risi Competizione, che ha leggermente ridotto il vantaggio conquistato nella notte sulla Ford #68 tornata nelle mani di Joey Hand dopo uno stint da parte di Sebastien Bourdais, unica nel giro del battistrada. Completano la top five virtuale le altre due Ford, con l’Aston Martin dell’equipaggio danese a sandwich.

A meno di una normale gara del WEC di distanza dalla bandiera a scacchi, Ferrari ancora al meglio anche in GTE-Am con la F458 di Scuderia Corsa (nella foto), con la Porsche dell’Abu Dhabi-Proton sempre ad inseguire ad un giro.

Piero Lonardo

La classifica alla diciannovesima ora di gara


Stop&Go Communcation

Risi sempre in controllo in GTE-Pro

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/06/ScudCorsa-1024x682.jpg WEC – Le Mans, 19ma Ora: Cambia solo l’ordine delle Toyota