La lotta di testa continua ad essere un affare a tre fra le due Toyota e la Porsche #2 partita ricordiamo dalla pole. Un super Marc Lieb recupera la sosta anticipata per una foratura lenta e si riporta alle spalle delle due TS050-Hybrid, che alla chiusura del secondo terzo di gara vantano rispettivamente due e un pit-stop in meno della rivale tedesca.

Dopo 16 ore le due Toyota di Stéphane Sarrazin e Kazuki Nakajima conducono con 26” sulla Porsche ancora in lizza, ora con Neel Jani al volante.

Tra le P1 private si consuma invece un piccolo dramma, con la Rebellion #13, che aveva occupato anche la quinta posizione assoluta, costretta ad arrestarsi lungo il circuito; vani i tentativi di rimetterla in moto da parte dei commissari. La classifica della categoria a questo punto vede l’altra Rebellion condurre con 38 giri di svantaggio sui battistrada e 12 di vantaggio sulla CLM del ByKolles, cui è stato assegnato uno Stop&Go di 110”.

L’Alpine #36 dal canto suo ora può primegggiare sul folto lotto delle LM P2 con un margine di tutta sicurezza sulle Oreca di Thiriet by TDS e G-Drive. Da segnalare l’uscita di strada di Simon Dolan alle curve Ford con la Gibson del G-Drive che occupava la quarta posizione.

In GTE-Pro è sempre Toni Vilander a menare le danze, con 12” di vantaggio sulla Ford GT #68 di Sebastien Bourdais e di sulla #69 di Scott Dixon, cui sono stati rifatti i freni a tempo di record. Sempre nello stesso giro in quarta posizione l’Aston Martin di Nicki Thiim.

Ferrari al top anche in GTE-Am, con Jeff Segal e la Ferrari di Scuderia Corsa con un giro di vantaggio sulla Porsche dell’Abu Dhabi-Proton, grazie a David Heinemeier-Hansson. A due giri le altre due F458 di AF Corse e Clerwater Racing.

Piero Lonardo

La classifica alla sedicesima ora di gara


Stop&Go Communcation

Un eroico Vilander resiste contro le Ford

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/06/AlbaRisi-1024x682.jpg WEC – Le Mans, 16ma Ora: Gara a tre, Porsche costretta ad inseguire