La seconda ed ultima giornata dei test ufficiali FIA WEC al Paul Ricard inizia con una fitta foschia che provoca un ritardo generale dell’inizio delle ostilità.

La musica non cambia al vertice, con Neel Jani che ha il compito di verificare le prestazioni della nuova ala posteriore larga stile-Toyota introdotta per la prima volta ieri e lima ulteriormente il suo best crono con 1.43.724. L’HPD Strakka si porta però a stretto contatto avvicinandosi con Danny Watts a 3 soli decimi.

Tra le LM P2 è la stellina Alex Brundle con la prima Morgan dell’Oak Racing ad avvicinarsi sensibilmente al tempo segnato ieri da Mike Conway con l’Oreca del G-Drive, ancora al palo per le riparazioni dopo l’incidente di ieri, con 1.48.070. Ben più lontana l’altra Oreca-Nissan del Pecom Racing con Pierre Kaffer.

In GT infine, sulla Ferrari F458 dell’AF Corse è salito anche Gianmaria Bruni, che ha segnato il miglior tempo assoluto della categoria con 1.59.232 davanti a Jorg Bergmeister sulla Porsche Manthey. Sotto i 2’ oggi anche Giancarlo Fisichella e Jamie Campbell-Walter con l’Aston Martin Vantage.

La musica non cambia nelle ultime tre ore serali, con Jani che migliora di oltre 2 decimi i tempo del mattino e sposta le lancette sull’1.43.521, mentre l’HPD non si migliora.

In LM P2 sono state le Morgan dell’Oak Racing a finire in bellezza, complice anche l’assenza della Oreca del G-Drive Racing, con Bertrand Baguette ed Olivier Pla autori dei migliori tempi della categoria davanti ad Antonio Pizzonia e all’Oreca dell’ADR-Delta. Ha girato finalmente con continuità anche la nuova Lotus T128, la #31, con James Rossiter e Cristophe Bouchut.

In GT infine, Giancarlo Fisichella e Gianmaria Bruni hanno spostato ancora più in alto l’asticella con la Ferrari F458 AF Corse. L’ex-Jordan F1 è stato l’unico a scendere sotto l’1’59” con 1.58.790. Non si è invece migliorata la Porsche 911 ufficiale, che termina solamente quarta questa classifica ideale, dietro anche all’altra F458 di Matt Griffin.

L’appuntamento si sposta fra due settimane, per la 6 Ore di Silverstone, prima gara del mondiale 2013. Azione in pista sin dal venerdì 12 per un doppio weekend LMES-WEC.

L’impressione è che in LM P1 tra Rebellion e Strakka, gli unici team privati a competere, per il campionato sarà una lotta gomito a gomito decisa principalmente dai consumi, tenuto conto anche dell’impegno ridotto del team elvetico per le trasferte extraeuropee, mentre in GT la F458 sarà anche quest’anno la vettura da battere, anche con le nuove limitazioni. Attendiamo però ad una verifica puntuale l’Aston Martin ufficiale, dimostratasi molto veloce a Sebring.

Spettacolo assicurato invece in LM P2, con le Morgan dell’Oak Racing e le Oreca di G-Drive e Delta-ADR a disputarsi la vittoria finale, con il terzo incomodo della Zytek Greaves e le Lotus T128 che, anche se un po’ indietro nella preparazione, durante il campionato si miglioreranno sicuramente, grazie anche al talento indiscusso del nostro Vitantonio Liuzzi.

Piero Lonardo

I tempi della prima sessione

I tempi della seconda sessione

 


Stop&Go Communcation

La seconda ed ultima giornata dei test ufficiali FIA WEC al Paul Ricard inizia con una fitta foschia che provoca […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/03/casttest2.jpg WEC – Le Castellet, Test-2: Rebellion, Oak Racing ed AF Corse sugli scudi