Grande equilibrio nelle prime prove libere della 6 Ore di Sao Paulo, evento finale del FIA WEC 2014. Grazie anche ad un meteo perfetto, gli equipaggi di punta sono scesi sin dalle prime libere del mattino sotto i tempi del 2013.

Subito in evidenza sul giro veloce le due Porsche 919 Hybrid, ancora alla ricerca del primo successo, con Brendon Hartley e Romain Dumas poco sopra l’1’19”. Nel pomeriggio è invece Mark Webber a primeggiare con 1.18.349 di un solo decimo davanti al francese. Ma la vera sorpresa sono state le due Audi R18 e-tron quattro, con la #1, che per l’occasione sfoggia un vistoso splitter verde-oro in onore del paese ospitante e una decal dedicata a Tom Kristensen, alla sua ultima gara con il marchio dei quattro cerchi, a livello delle “cugine” con l’enfant du pays Lucas di Grassi a precedere Andrè Lotterer.

Più staccate le due Toyota TS00-Hybrid, cui manca solo la certezza matematica al titolo costruttori, con il neocampione Sebastien Buemi e Alexander Wurz a circa 1” dalla vetta.

Andrea Belicchi, sempre a suo agio sulla tracciato paulista, ha dominato tra le LM P1-L con la Rebellion R-One che, grazie ad un’ottima velocità massima ha limitato il distacco a meno di 3” dai migliori contender ufficiali.

Tra le LM P2, G-Drive subito all’assalto con tutti e tre i piloti, Rusinov, Pla e Canal, in evidenza assoluta sulla Ligier JS P2 – Nissan. A ben 7 decimi Nic Minassian, che spera di rifarsi delle sfortune di Sakhir, dove ricordiamo una penalità ed un guasto nelle ultime fasi di gara hanno rimesso in discussione un titolo oramai in tasca dell’SMP Racing.

Tra le GT, il personaggio del giorno è sicuramente Emerson Fittipaldi, subito a proprio agio sulla non recentissima F458 AF Corse (ex 8Star) #61, pure decorata con i colori brasiliani. La classifica però, dopo un primo exploit mattutino delle coupè del cavallino, alla fine della giornata premia ancora una volta le Aston Martin, sempre al top sul giro singolo, sia in GTE-Pro che in Am.

Al terzo pilota di casa, Fernando Rees, l’onore del best lap con 1.30.112, seguito dal compagno di squadra Darren Turner e dalla Vantage versione Am di Pedro Lamy. Porsche e Ferrari, in lizza per il titolo costruttori GT, seguono con Joerg Bergmeister ed il neocampione Gianmaria Bruni a circa 7 decimi.

Appuntamento domani per un’ultima ora di libere e le qualifiche, rispettivamente alle 10 e alle 14.45 ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Aston Martin sempre al top in GT

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/11/Emmo_b.jpg WEC – Interlagos, Libere 1 e 2: Testa a testa Porsche-Audi