Loic Duval e Lucas di Grassi riportano in pole l’Audi al termine di una sessione di qualifica ancora una volta super-avvincente. Finalmente infatti tutti e tre i competitor si sono ritrovati nuovamente a poter competere allo stesso livello, ed il francese della R18 #8, grazie anche al miglior giro del weekend con 1.23.286, ha potuto infine scavalcare la concorrenza.

Toyota in gran spolvero nella gara di casa, come anticipato dall’ultima sessione di libere del mattino, ma nel finale di sessione Mark Webber, alla sua terz’ultima apparizione sulla Porsche #1, arpiona la prima fila. Alle due TS050-Hybrid l’intera seconda riga dello schieramento, a precedere l’Audi #8 e la Porsche #2.

L’ottima prestazione della R18, alla quinta pole position in sette gare, va in qualche modo a contrapporsi ai tanti rumors emersi nel paddock giapponese che vorrebbero la casa di Ingolstadt terminare il programma WEC e Le Mans alla fine della prossima stagione.

Risolto invece en modo abbastanza semplice per l’ennesima volta il duello nelle LM P1 private fra la Rebellion e la CLM del ByKolles, con Alexandre Imperatori e Dominik Kraihamer alla media 1.48.783.

Grande battaglia anche tra LM P2, e alla fine a spuntarla è l’Oreca del G-Drive del neoacquisto Will Stevens e di Roman Rusinov, alla media di 1.31.698, davanti ai capolista dell’Alpine #36, Nicolas Lapierre e Gustavo Menezes, e alla sorpresa Extreme Speed con Sean Gelael ed Antonio Giovinazzi sulla #30 ridipinta con i colori dello sponsor indonesiano.

Per il nostro portacolori annunciata la partecipazione al Rookie test del 20 novembre prossimo in Bahrain insieme a Pipo Derani e Gustavo Menezes sulle LM P1 dei tre costruttori. Presenti anche diverse squadre LM P2, RGR e Alpine in testa, così come la nuova Dallara, che proseguirà la fase di test con alla guida Andrea Belicchi.

Prima come di consueto erano scese in pista le GT. Le Ford ancora una volta in questo weekend hanno sbaragliato il campo in GTE-Pro, conquistando la prima fila con Olivier Pla e Stefan Mucke alla media di 1.37.681 davanti ai compagni di squadra Andy Priaulx ed Harry Tincknell.

Seconda fila Ferrari con la #71 di Davide Rigon e Sam Bird 3 decimi dai leader, che nel finale di sessione scavalca l’altra 488 GTE di Gianmaria Bruni e James Calado. A seguire le due Aston e la Porsche del Dempsey-Proton.

Nuova pole invece, la quarta dell’anno, per l’Aston Martin di Pedro Lamy e Paul Dalla Lana alla media di 1.39.490, davanti ai capolista di AF Corse e alla Corvette Larbre.

Domenica lo start alla 6 Ore del Fuji alle 11, ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

I risultati delle Qualifiche


Stop&Go Communcation

Ford, prima fila in GTE-Pro. Giovinazzi impressiona in LM P2 e conquista il Rookie Test

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/10/AudiToy.jpg WEC – Fuji, Libere 3 e Qualifiche: Alla fine è pole Audi, ma che battaglia!