Il circuito del Fuji si è svegliato stamane sotto una densa coltre di nuvole per la prima sessione di libere della 6 Ore valida quale quarto appuntamento del World Endurance Championship 2018/2019.

Va detto subito che le Toyota, nonostante le recenti limitazioni imposte dalla FIA in termini di EoT (Equivalence of Technology), con ben 26 kg di zavorra extra, le non hanno faticato per imporsi nei confronti delle LM P1 private in questa prima tornata della gara di casa.

Sebastien Buemi ha infatti segnato il miglior tempo di 1.25.847, precedendo il compagno di squadra Kamui Kobayashi di mezzo secondo, lasciando ad oltre 1” la BR1 #11 a motore AER di Jenson Button e la Rebellion #1 di Neel Jani.

I best crono sono stati ottenuti dalle due TS050-Hybrid nella primissima parte della sessione, che è stata interrotta dopo circa 20’ per la riparazione del cordolo a protezione di curva 11. La mezz’ora necessaria ad eliminare uno dei famigerati “salsicciotti” è stata recuperata nel finale.

Tra le LM P2, miglior prestazione per Mathieu Vaxivère con l’Oreca del TDS ed il tempo di 1.30.360. Il team francese ha espresso per iscritto le proprie perplessità riguardo il verdetto di Le Mans che ha premiato alla fine l’Alpine, cui è stato consegnato il trofeo proprio nel paddock del circuito giapponese.

Anche per le GTE-Pro il nuovo BoP, che ha premiato questa volta BMW, non è stato efficace. Sono infatti Porsche e Ford a dominare la lista dei tempi, con la GT di Stefan Mucke a precedere col tempo di 1.38.555 le due 911 RSR di Gianmaria Bruni e Michael Christensen. P4 per la Ferrari vincitrice a Silverstone con James Calado, a 9 decimi dal vertice.

A sorpresa è invece Pedro Lamy a dominare la lista dei tempi in GTE-Am con l’Aston Martin del 2017. Dietro il campione in carica della categoria, autore di 1.39.763 (meglio di tante vetture Pro) la Porsche del Dempsey-Proton con Matt Campbell e l’altra Vantage del TF Sport con Charlie Eastwood.

La giornata prosegue con la seconda sessione di prove libere, alle 15.30 locali.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1


Stop&Go Communcation

Rebellion e BR ad oltre 1”. BoP poco determinante anche in GTE-Pro: Ford e Porsche sugli scudi

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/10/PL51069-1024x682.jpg WEC – Fuji, Libere 1: Toyota sempre davanti nonostante l’EoT