Le 919 Hybrid hanno terminato nel modo migliore la preparazione alle qualifiche della 6 Ore del Circuit of the Americas, piazzando l’ennesimo uno-due nel weekend con Brendon Hartley e Neel Jani.

Il neozelandese ha dominato la graduatoria con il tempo di 1.46.435, lasciando a 3 decimi il poleman di Le Mans e a 1” netto Loic Duval, il migliore in casa Audi, dove non hanno lesinato sforzi per avvicinarsi alla vetta, come testimoniato dal testacoda di Andrè Lotterer alla curva 1.

Sempre non a livello della concorrenza le Toyota, ma come sappiamo il costruttore giapponese guarda già al 2016, mentre la battaglia delle P1 non ibride è stata vinta ancora una volta dalla Rebellion con Mathias Beche e 1.53.115, nonostante un piccolo problema tecnico che ha costretto la R-One #12 ai box nelle fasi iniziali della sessione.

Primato a sorpresa tra le LM P2 per la Alpine Signatech di Paul-Loup Chatin con 1.56.178 davanti al solito Nicolas Lapierre, che però non riesce a scalzare il primato assoluto della categoria segnato dalla Ligier del G-Drive nella serata di ieri.

Porsche in evidenza anche in GTE-Pro con Patrick Pilet e Fred Makowiecki con i primi due tempi della classifica. Dietro la #92 con 2.05.134, il nostro Gianmaria Bruni a 2 decimi e l’altra 911 RSR di Richard Lietz e Michael Christensen. Lontanissime le Aston Martin, con Fernando Rees ad oltre 8 decimi.

Le coupè inglesi si rifanno in GTE-Am con l’esperto Pedro Lamy, che porta in alto la Vantage con 2.06.639 davanti alla Corvette di Paolo Ruberti. Da segnalare infine la foratura alla Porsche del Dempsey-Proton che ha comportato l’unica interruzione della sessione.

A questo punto tocca alle qualifiche, a partire dalle 5.45 PM, ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3


Stop&Go Communcation

Le vetture di Stoccarda al top anche in GTE-Pro

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/09/PorscheBox3.jpg WEC – COTA, Libere 3: Porsche si prepara alle qualifiche con Hartley e Jani