Sebastien Buemi e Anthony Davidson hanno portato in pole la Toyota TS040-Hybrid #8 che guideranno insieme a Nicolas Lapierre nella 6 Ore del COTA alla media di 1.49.093.

L’equipaggio del costruttore nipponico, alla prima pole stagionale dopo le due conquistate dalla vettura gemella, si è avvantaggiato della penalità assegnata a Neel Jani e alla Porsche 919 Hybrid #14, cui è stato tolto un giro utile per un eccessivo utilizzo del sistema di recupero di energia. E’ la prima volta che ciò accade dall’introduzione del nuovo regolamento nella presente stagione.

Jani, Romain Dumas e Marc Lieb partiranno comunque in prima fila. Seconda fila per l’altra Porsche di Mark Webber, Brendon Hartley e Timo Bernhard e per la prima delle Audi R18 e-tron quattro dei vincitori di Le Mans, Marcel Fassler, Andrè Lotterer e Benoit Treluyer.

Più dietro la Toyota di Mike Conway, Alex Wurz e Stèphane Sarrazin – sotto investigazione per blocking – e la seconda Audi di Tom Kristensen, Lucas di Grassi e Loic Duval, quest’ultimo rientrato dopo lo spaventoso incidente di Le Mans Anche all’equipaggio dell’Audi #1, i migliori delle ultime prove libere svoltesi in mattinata, è stato tolto un giro per consumo eccessivo di carburante.

Lontanissima, a oltre 5”6 dalla pole, la prima delle LM P1-L, la Rebellion R-One di Dodo Kraihamer, Fabio Leimer e Andrea Belicchi davanti alla vettura gemella di Nico Prost, Mathias Beche e Nick Heidfeld. Il pilota tedesco si è fermato in pista alla curva 11 causando l’unica red flag a 4’33” dal termine della sessione.

Non si è presentata in pista invece la Lotus CLM P1-01-AER a causa di un problema elettrico. I responsabili del team Kolles hanno comunque assicurato la presenza del nuovo prototipo al via della gara.

Dominio della nuova Ligier JS P2 del G-Drive in LM P2 grazie ad Olivier Pla e Roman Rusinov, che in gara troveranno anche Julien Canal, alla media sui migliori quattro giri di 1.56.075, nettamente più veloce quindi della vettura in pole nella gara del Tudor USCC.

La nuova coupè francese precede l’Oreca-Nissan del KCMG e l’HPD ARX 03b dell’Extreme Speed Motorsports di Ryan Dalziel, Ed Brown e Scott Sharp. Fanalini di coda della categoria le altre due Oreca-Nissan dell’SMP Racing, con Viktor Shaitar che h chiuso anzitempo la sessione grazie ad un innocuo lungo.

La pioggia fa capolino invece all’inizio delle qualifiche delle GT e condiziona il primo turno di giri veloci da parte dei piloti. Patrick Pilet sembra infatti destinato ad una doppia pole con la Porsche 911 RSR dopo quella conquistata nel Tudor USCC, ma l’assenza di interruzioni permette ai piloti del primo turno di poter ripetere il tentativo.

Nel finale di sessione Gianmaria Bruni riesce infatti a staccare i due migliori crono della sessione (2.05.245 e 2.05.822) che valgono al pilota romano e a Toni Vilander la pole in GTE-Pro con la Ferarri F458 AF Corse #51 davanti alla coppia storica dell’Aston Martin #97 formata da Darren Turner e Stefan Mucke.

Seconda fila virtuale occupata dai due equipaggi Porsche, recentemente rimescolati, Pilet / Makowiecki e Tandy / Bergmeister. Terza fila per le seconde linee di Aston e Ferarri con il ritorno di James Calado a fianco di Davide Rigon dopo l’incidente di Le Mans.

Anche in GTE-Am si ripete lo stesso copione e Manu Collard con la nuova Porsche 911 RSR schierata dalla Prospeed rientra in pista per strappare la pole a Richie Stanaway e all’Aston Martin, che precedono la Corvette C7.R dei fratelli Taylor e le due Ferrari F458 di Marco Cioci e Mirko Venturi e dell’8 Star Motorsports di Jeff Segal e Paolo Ruberti, che in gara verranno affiancati da Gianluca Roda.

Appuntamento sabato alle 5 PM ora locale per lo start della 6 ore del Circuit Of The Americas. Prevista pioggia fino a poco prima della partenza.

Piero Lonardo

La classifica delle Libere 3

I risultati delle Qualifiche


Stop&Go Communcation

Bruni-Vilander immensi in GT

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/09/toy8b-1024x682.jpg WEC – COTA, Libere 3 e Qualifiche: Le penalità portano in pole la Toyota