Anche il secondo turno di prove libere al Circuit Of The Americas non ha deluso le attese e, nella serata texana, le Audi si sono imposte sul lotto dei contender grazie ad un passo nettamente più veloce.

Loic Duval sulla R18 #8 ha quasi immediatamente fissato i cronometri sull’1.47.235 – leggermente migliore dell’analogo crono 2015 della Porsche poi campione del mondo, nonostante le variazioni intervenute all’EoT – davanti al compagno di squadra Andrè Lotterer.

La prima delle 919 Hybrid segue a oltre 7 decimi, grazie al solito Brendon Hartley, mentre la più veloce delle Toyota, questa volta la #5, si porta nuovamente alle spalle della seconda Porsche, a 9 decimi, grazie a Sebastien Buemi. Da segnalare però che l’Audi #7 ha trascorso la seconda metà della sessione ai box per un problema non meglio identificato, probabilmente imputabile al sistema ibrido, all’asse anteriore.

Oliver Webb porta per la prima volta in alto la ByKolles tra le LM P1 private, migliorando il tempo ottenuto dai rivali della Rebellion con 1.54.361.

E’ Gustavo Menezes il migliore tra le LM P2 con l’Alpine (nella foto – che voci di corridoio indicano verso l’utilizzo di un telaio Dallara per il 2017) ed il tempo di 1.56.318. L’enfant du pays ha preceduto le due accoppiata dell’RGR by Morand Senna-Albuquerque e del G-Drive Brundle-Rast.

La temperatura appena più fresca non ha invece avvantaggiato le Ferrari, alle prese con problemi di degrado gomme, in GTE-Pro. Alla fine quindi è sempre la Ford #66 davanti, con Stefan Mucke ed Oliver Pla, davanti all’accoppiata danese dell’Aston Martin. Il tedesco della casa di Detroit ha fermato i cronometri sul 2.04.714, lasciando Nicki Thiim a oltre 7 decimi.

Aston redivive anche in GTE-Am grazie a Pedro Lamy, che ha fermato i cronometri su tempi da Pro siglando un 2.06.092, che lascia Ben Barker con la Porsche 911 del Gulf Racing UK e Rui Aguas con la Ferrari F458 AF Corse a circa 1”8.

La Ferrari #83 ha rimediato un’ammonizione “pesante” per abuso costante dei limiti di pista da parte di Francois Perrodo, che costerà 5’ di Stop&Go nella terza ed ultima sessione di prove libere, della durata di un’ora, che partirà alle 10.30 AM ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Ancora una Ford davanti in GTE-Pro

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/09/Alpine36_FP2-1024x682.jpg WEC – COTA, Libere 2: Audi all’assalto