La Ferrari ha ufficializzato pochi minuti fa la conclusione anticipata del rapporto con Gianmaria Bruni.

Il pilota romano, alfiere della casa di Maranello sin dal 2007, sarà liberato dagli impegni con il Cavallino Rampante alla fine di giugno nonostante un contratto valido per ulteriori quattro anni. La data di giugno non è casuale perché significa che non sarà della partita alla prossima 24 ore di Le Mans.

La Ferrari nel comunicato ringrazia Bruni “per il contributo professionale e gli augura il meglio per le sue prossime sfide”. Sfide che lo vedranno al 99% in Porsche sulle nuove 911 RSR a motore centrale che hanno debuttato positivamente a Daytona, sfiorando la vittoria di categoria alla prima uscita, se non addirittura, se nel prossimo futuro vi saranno le condizioni opportune, le 919 Hybrid LM P1.

Per decidere il sostituto di Bruni la Ferrari sta valutando un set di candidati che comprende i nostrani Alessandro Pier Guidi gli spagnoli Miguel Molina ed Alex Riberas e l’olandese Nicky De Vries. Proprio questi ultimi, dopo un test tenutosi a Vallelunga qualche giorno fa, sembravano i più accreditati ad assicurarsi un posto sulla 488 GTE nel WEC, ma alla fine dovrebbe essere proprio Pier Guidi ad ereditare il posto del pilota romano nel WEC al fianco di James Calado.

L’ex coequipier di Bruni, dal canto suo, farà anche parte con Marco Cioci e Giancarlo Fisichella dell’equipaggio del team Ferrari Kaspersky, sempre gestito da AF Corse, per il Blancpain GT Series.

Tra i successi di Bruni con la Ferrari ricordiamo i tre allori in GT alla 24 Ore di Le Mans (2008, 2012, 2014) e i due titoli WEC GT nel 2013 e nel 2014.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Il pilota romano chiude in anticipo e vola in Porsche

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/02/Bruni_Silv-1024x681.jpg WEC – Bruni-Ferrari: è finita