Sarà ancora una volta una prima fila tutta Porsche al via della 6 Ore del Bahrain, ultimo atto del FIA WEC 2015.

Brendon Hartley e Timo Bernhard hanno conquistato la pole position, l’ottava in otto gare per la 919 Hybrid nel corso dell’anno, alla media stratosferica di 1.39.736, ben 5” in meno del 2014. Il neozelandese ha subito rotto gli indugi scendendo subito sotto l’1’40”, mentre Bernhard ha ribadito la leadership, segnando il miglior giro in assoluto del weekend di 1.39.670.

Romain Dumas e Neel Jani hanno occupato come da copione l’altra piazzola della prima fila; vicine invece ma non abbastanza le due Audi R18 e-tron quattro, che scontano in media oltre 1”5 dalla pole, con Andrè Lotterer, Marcel Fassler e Benoit Treluyer, P3, che vedono ancor più allontanarsi le chance di titolo grazie al punto addizionale per la pole appannaggio della Porsche #17. A 2”4 e 2”7 rispettivamente le due Toyota, con l’ultima qualifica di sempre per Alexander Wurz e per la TS040-Hybrid.

Rebellion in controllo tra i privati, con la #13 di Alexander Imperatori e Dominik Kraihamer a precedere i compagni di squadra con la media di 1.46.660; a 1”6 la CLM P1/01 del Team ByKolles.

Grande battaglia in LM P2, dove a sorpresa ha trionfato l’Alpine Signatech con Paul Loup Chatin e Tom Dillmann, alla prima pole WEC con la media di 1.49.993. Il best lap però è stato segnato da Nick Tandy, che li affiancherà nella prima fila della categoria, con l’Oreca 05 del KCMG. A seguire le due Ligier del G-Drive e la Morgan del SARD Morand; Buona P7 per la debuttante BR01-Nissan di AF Racing.

UPDATE: Il miglior tempo di Nick Tandy è stato annullato dalla direzione gara per uso eccessivo dei limiti della pista, per cui l’Oreca del KCMG è stata arretrata al terzo posto in griglia.

Come sempre prima erano però scese in pista le GT, ma dopo nemmeno un minuto è subito red flag per un improvviso blackout delle luci sul circuito arabo.

Car #51 / AF CORSE (ITA) / Ferrari F458 Italia / Gianmaria Bruni (ITA) / Toni Vilander (FIN)- 6 Hours of Bahrain at Bahrain International Circuit - Sakhir - Bahrain

Car #51 / AF CORSE (ITA) / Ferrari F458 Italia / Gianmaria Bruni (ITA) / Toni Vilander (FIN)- 6 Hours of Bahrain at Bahrain International Circuit – Sakhir – Bahrain

Dopo circa 20’ sono le Aston Martin a condurre in GTE-Pro con Marco Sorensen e la Vantage #95, che segnerà il best crono della sessione con 1.57.984. Ma il secondo stint di Gianmaria Bruni e James Calado riporta le Ferrari al top, facendo guadagnare alla Ferrari e al’equipaggio della F458 #51 l’ulteriore punto addizionale nella caccia a Richard Lietz e alle Porsche 911 RSR, non a proprio agio fin qui a Sakhir, che si debbono accontentare della settima ed ultima piazzola della categoria.

UPDATE: Penalità per uso eccessivo dei limiti di pista anche per Davide Rigon, che così partirà domani dal fondo della griglia di partenza

Le Aston Martin si rifanno infine in GTE-Am, con Pedro Lamy e Paul Dalla Lana che agguantano la quinta pole dell’anno alla media di 2.00.522, seguiti a 4 decimi dalla Corvette Larbre di Gianluca Roda e Paolo Ruberti. Seconda fila per le due Ferrari in lotta, almeno matematicamente parlando, per il titolo, di SMP Racing ed AF Corse, dove nella #83 Matteo Cressoni ha preso li posto alll’ultimo momento di Rui Aguas.

Problemi per le due Porsche del Proton Racing, con Pat Long in difficoltà per un testacoda e solamente P5, mentre la #88 ha fatto subito ritorno ai box per problemi al motore.

Lo start della 6 Ore del Bahrain alle 15 di domani, ora locale.

Piero Lonardo

I risultati definitivi delle Qualifiche

La griglia di partenza della 6 Ore del Bahrain

 


Stop&Go Communcation

Prima fila tutta Ferrari AF Corse in GTE-Pro, poi una squalifica per la #71

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/11/pole.jpg WEC – Bahrain, Qualifiche: Porsche, pole en plein, otto su otto