L’ultima ora di libere della 6 Ore del Bahrain non riserva particolari sorprese nell’assoluto. E’ sempre una Porsche infatti, questa volta la #1 con Timo Bernhard a segnare infatti il miglior tempo con 1.40.318, a mezzo secondo dalla migliore prestazione di ieri da parte di Neel Jani con l’altra 919 Hybrid.

La top three vede tutti e tre i costruttori presenti, con Oliver Jarvis e l’Audi R18 #8 e la Toyota di Anthony Davidson sul podio virtuale.

Dominik Kraihamer lima invece il crono dei compagni di squadra in Rebellion con 1.46.388 tra le LM P1 private, lasciando i rivali del ByKolles a quasi 2”.

Tra le LM P2 è ancora Renè Rast il migliore del lotto con l’Oreca del G-Drive ed il tempo di 1.50.431, a 4 decimi dalla prestazione di ieri. Da segnalare qualche problema per l’Oreca Manor #44, rimasta lungo il circuito nel finale di sessione.

In GT infine risorgono le Ferrari, sia in Pro che in Am. Gianmaria Bruni (nella foto, in azione) si arrampica sulla vetta dei tempi con la 488 GTE #51 ed il tempo di 1.59.038, migliorando leggermente la prestazione di ieri, ma rimanendo comunque ben lontano (+1”8) dalle prestazioni monstre delle due Aston Martin, che stamane invece sono rimaste dietro la GT del Cavallino con Darren Turner e appena davanti alla Ford di Stefan Mucke.

Emmanuel Collard guida infine le GTE-Am con la F458 di AF Corse; anche il veterano francese però si attesta con 2.00.701 a poco più di 1”2 dalla prestazione di ieri di Pedro Lamy sulla Vantage #98, che ha necessità del punto addizionale della pole per mantenersi in gara per il titolo di categoria.

Tutto pronto quindi per le qualifiche, a partire dalle 17 ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 3

 


Stop&Go Communcation

Risorgono le Ferrari in GT

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/11/AF51.jpg WEC – Bahrain, Libere 3: Timo Bernhard prepara la qualifica