Alla fine nessun appello da parte di Audi Sport per la squalifica subita nella prima tappa del World Endurance Championship.

Il team tedesco ha reso noto nel pomeriggio di giovedì di non voler procedere mediante la giustizia sportiva per contestare l’usura del pattino frontale della R18 vincitrice di Marcel Fässler, André Lotterer e Benoît Tréluyer nella 6 Ore di Silverstone, e pertanto viene confermata la vittoria della Porsche 919 Hybrid di Romain Dumas, Neel Jani e Marc Lieb.

Il Dr. Wolfgang Ullrich ha così commentato la decisione: “Accettiamo l’esclusione dalla classifica e, nell’interesse dello sport, guardiamo avanti. Fa parte del nostro lavoro – ha aggiunto il grande capo di Audi Motorsport – evitare l’usura di questo particolare (attribuita a posteriori ad un inaspettato ed eccessivo saltellamento della vettura) ed accettiamo questa responsabilità. Speriamo che i restanti otto round del campionato siano così avvincenti come quello di apertura”.

Fra poco più di due settimane il circo del WEC si ritroverà a Spa per la seconda tappa stagionale.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo definitivo della 6 Ore di Silverstone 


Stop&Go Communcation

Confermata in via definitiva la vittoria Porsche

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/04/Audi7-1024x682.jpg WEC – Audi, alla fine niente appello per la squalifica di Silverstone