Jan Magnussen e Antonio Garcia, campioni in carica della GTLM, si aggiudicano la prima vittoria dell’anno nel WeatherTech SportsCar Championship sul Virginia International Raceway, al termine della gara riservata alle sole GT.

I due alfieri della Corvette hanno tenuto il comando sin dalla pole, che il danese aveva conquistato ieri sullo storico tracciato reso insidioso dalle piogge cadute nella serata di ieri, nonostante la recente ripavimentazione.

Nonostante le tante uscite di strada, la gara ha visto una sola neutralizzazione, a 5’ dalla termine della gara, della durata standard di 2 ore e 40 minuti, proprio per l’uscita di strada di Oliver Gavin con l’altra Corvette in testa alla classifica della categoria. Milner nel frattempo si era già reso protagonista di un paio di spettacolari uscite di strada che lo avevano presto escluso dalle prime posizioni.

Al restart, con un solo giro utile, il fattaccio che coinvolgeva Giancarlo Fisichella, autore fino a quel momento di una gara tutta d’attacco insieme al compagno di squadra Toni Vilander, ed Earl Bamber. La Porsche dl vincitore di Le Mans 2015 buttava fuori pista la Ferrari 488 GTE del Risi Competizione, privandola di un meritatissimo terzo posto. Purtroppo non è la prima volta che la rossa di Houston rimane vittima di un contatto nelle fasi finali, e il popolare “Fisico” non si è lasciato andare a dichiarazioni, in attesa di eventuali decisioni da parte dell’IMSA.

Dietro Magnussen e Garcia spazio alla Ford #66 di Joey Hand e Dirk Mueller, che è stata per tutta la gara l’ombra dei vincitori, mentre la vettura gemella di Ryan Briscoe e Richard Westbrook, partita dal fondo dello schieramento per aver cambiato i pneumatici, si appropria di un quarto posto che vale oro in termini di classifica generale.

Lambo48

In GTD, prima storica vittoria della Lamborghini Huracan GT3 nelle mani di Madison Snow e Bryan Sellers. I due portacolori del Paul Miller Racing hanno dominato senza particolari problemi per tutta la durata della gara salvo una piccola escursione del nativo dell’Ohio verso le due ore di gara, che per fortuna non ha compromesso il risultato finale.

A seguire la bellezza di ben tre Audi R8 LMS, con le #9 di Lawson Aschenbach e Matt Bell a marcare per tutta la gara i battistrada senza però poterli realmente impensierire, poi la vettura del Magnus Racing di John Potter e Andy Lally, risalita a suon di sorpassi dopo una qualifica non esaltante e a seguire l’altra entry dello Stevenson Motosports, rallentata da un secondo pit-stop disastroso di Robin Liddell, partito con il bocchettone ancora innestato e dalla conseguente penalità.

La quinta posizione finale per l’unica Porsche 911 GT3 R presente dopo il forfait di Alex Job Racing e Park Place Motorsports suona come una vittoria, a causa della penalità per aver fatto pattinare le ruote in pitlane che poteva compromettere la gran rimonta condotta da Mario Farnbacher ed Alex Riberas.

Ma la penalità più sanguinosa è stata quella assegnata ai capoclassifica di Scuderia Corsa per overboost nelle fasi finali, con Alessandro Balzan che ancora una volta stava cercando di trarre il miglior risultato – una probabile P6 – da una gara in cui la Ferrari 488 GT3 non sembrava a proprio agio.

A seguito di questi risultati la coppia di testa della GTLM formata da Tommy Milner ed Oliver Gavin continua a mantenere la testa della classifica su Ryan Briscoe e Richard Westbrook, ma il vantaggio si è assottigliato a soli 7 punti.

Anche in GTD Christina Nielsen ed Alessandro Balzan riescono a mantenere la leadership ora con soli 8 punti di vantaggio sugli inseguitori più prossimi, Andy Lally e John Potter. Avanzano anche Davis e Liddell e la coppia della Viper formata da Jeroen Bleekemolen e Ben Keating, oggi P7.

UPDATE: L’Audi di John Potter ed Andy Lally, terza al traguardo, è stata esclusa dalla classifica a seguito delle verifiche post gara per aver superato l’altezza minima. In funzione di ciò, l’equipaggio di Scuderia Corsa mantiene 20 punti di vantaggio in classifica su Ben Keating e Jeroen Bleekemolen.

Il prossimo appuntamento, il penultimo del WeatherTech USCC 2016, fra tre settimane al Circuit of the Americas di Austin nell’ambito della “Lone Star Le Mans” in coabitazione con il WEC.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Fisichella buttato fuori all’ultimo giro da Bamber

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/08/Corv3-1024x577.jpg USCC – VIR, Gara: Magnussen e Garcia per la terza vittoria di fila Corvette