Tutti si aspettavano un dominio delle Cadillac nelle qualifiche della 12 ore di Sebring, seconda prova del WeatherTech SportsCar Championship e della North American Endurance Cup, specie dopo i risultati dell’ultima ora di prove libere, che ha visto Christian Fittipaldi ancora una volta primeggiare con la DPi V.R #5 dell’Action Express ed il tempo di 1.49.211.

Invece Neel Jani, secondo al mattino ad un solo decimo dal vertice, ha stupito tutti con l’Oreca-Gibson del Rebellion Racing. Lo svizzero, campione in carica WEC, ha piazzato la zampata giusta nelle qualifiche, scendendo a 1.48.178, lasciando il brasiliano, che già pregustava il bis del 2014, con l’amaro in bocca, a soli 95 millesimi. Evidente il gesto di stizza nei confronti dell’attrezzatura del box, presa a pugni al rientro, casco indossato, dopo essere rimasto senza carburante nel giro finale.

Seconda fila per l’altra entry dell’Action Express con Dane Cameron, a poco più di un decimo, e la Ligier del PR1/Mathiasen con Josè Gutierrez. Deludente terza fila per l’altra Cadillac trionfatrice alla recente Rolex 24 at Daytona, con Jordan Taylor, preceduta anche dalla Nissan DPi del campione WEC 2015, Brendon Hartley. Problemi tecnici invece per l’altra DPi made in Ligier, con l’uomo del momento di 12 mesi or sono, Pipo Derani, costretto ai box anzitempo senza un crono valido.

Gustavo Yacaman dal canto suo sempre più a proprio agio fra le Oreca FLM09, all’ultima apparizione qui a Sebring, ha conquistato la pole tra le PC con la entry del BAR1 ed il tempo di 1.53.506, battendo sul filo di lana i vincitori di Daytona del Performance Tech con James Franch a soli 69 millesimi.

Tra le GTLM delineate invece presto le gerarchie, con le due Ford GT “full championship” del Team Ganassi a litigarsi la pole della categoria. Alla fine l’ha spuntata Ryan Briscoe, autore di 1.55.939, che ha preceduto di poco più di 2 decimi il teammate Dirk Mueller. Seconda fila per la migliore delle Corvette con Tommy Milner, vincitrice qui lo scorso anno, e la prima delle Porsche con il neoacquisto WEC Kevin Estre.

Non una qualifica felice per la Ferrari 488 GTE del Risi Competizione, che con Giancarlo Fisichella chiude la classifica della categoria a ben 1”5 della pole.

UPDATE: La Corvette #4 di Tommy Milner, Oliver Gavin e Marcel Fassler partirà dal fondo dello schieramento per un’infrazione tecnica (elevata altezza massima da terra) rilevata durante post qualifiche. 

Prima pole in GTD infine per le Mercedes AMG GT3 con Tristan Vautier e l’esemplare del Sun Energy 1 col tempo di 1.59.738. L’ex-campione Indy Lights ha lasciato a oltre 7 decimi l’Audi R8 LMS di Connor de Philippi e a oltre 1”2 la Lamborghini Huracàn GT3 del Paul Miller Racing con Corey Lewis. A seguire le due Lexus RC F GT3 del 3GT Racing di Paul Gentilozzi con Robert Alon e la leggenda dell’endurance USA, Scott Pruett.

P10 per Christina Nielsen con la versione GT3 della Ferrari 488 schierata dai campioni in carica della categoria di Scuderia Corsa, posizione che fa ben sperare per la gara, che presumibilmente, grazie al meteo favorevole, non vedrà all’opera il nuovo pneumatico da pioggia predisposto dalla Continental, oggetto della discordia fra tanti team dopo le tante forature di Daytona.

Lo start della 65ma edizione della 12 Ore di Sebring alle 10.40 AM di sabato, preceduto da un breve warm-up, alle 8-00 AM, sempre ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 4

I risultati delle Qualifiche

La Griglia di partenza della 65ma edizione della 12 ore di Sebring


Stop&Go Communcation

Ford, prima fila completa in GTLM. Prima pole Mercedes in GTD

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/03/Rebellion.jpg USCC – Sebring, Libere 4 e Qualifiche: Jani beffa le Cadillac