Si aprono le danze a Sebring per la 66ma edizione della 12 Ore, secondo appuntamento stagionale del WeatherTech SportsCar Championship.

Sotto uno splendido sole, che dovrebbe accompagnare tutto il weekend di gara, le 43 vetture partecipanti hanno potuto esprimersi al meglio nelle prime libere.

Il migliore tempo è stato appannaggio di Helio Castroneves, che ha portato al top l’Acura DPi #7, che condivide con Ricky Taylor e Graham Rahal, col tempo di 1.48.237 davanti alle due Cadillac di Tristan Vautier e Jordan Taylor, distacacti di meno di 2 decimi.

A seguire le due Nissan DPi con Olivier Pla e Pipo Derani, che prendono a sandwich la Mazda di Jonathan Bomarito. Prima delle LM P2, l’Oreca del Performance Tech con Pato O’Ward, reduce del weekend luci ed ombre di St.Pete in Indy Lights, addirittura P11 a oltre 1”2 dalla vetta.

Tra le GTLM, Ford sugli scudi con la GT #66 di Dirk Mueller, autore di 1.57.567 davanti a Toni Vilander e alla Ferrari del Risi Competizione, che ha scavalcato per 2 soli millesimi la seconda GT di Richard Westbrook. A seguire le due Porsche 911 RSR con Fred Makowiecki e Laurens Vanthoor; chiudono inaspettatamente lontane le due Corvette, a ridosso delle BMW M8 GTE.

In GTD infine, si presenta bene Lawson Aschenbach con l’Acura NSX GT3 #93 del Michael Shank Racing. Dietro il battistrada, col tempo di 2.00.337, sounta però la Ferrari iscritta come a Daytona come Spirit of Race per il trio campione in carica WEC GTE-Am e Daniel Serra. Il poleman di Daytona a sua volta precede le due Audi di Cristopher Mies e Andy Lally.

Da segnalare l’incidente che ha portato all’unica interruzione della sessione, con Chris Miller nelle barriere esterne tra le curve 1 e 2 con la rossa Oreca del JDC-Miller. La vettura dovrebbe essere già riparata per la sessione pomeridiana, in programma alle 3.10 PM ora locale

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1


Stop&Go Communcation

cFerrari P2 in GTLM e GTD con Risi Competizione e Spirit of Race

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/03/PL53985-1024x682.jpg USCC – Sebring, Libere 1: Castroneves mostra subito i denti