Ancora e sempre le Cadillac in evidenza nella prima giornata della 65ma edizione della 12 Ore di Sebring, interamente dedicata alle prove libere, con ben tre sessioni di cui una in notturna.

A dire il vero nella sessione del mattino era stato Stephen Simpson a guidare il lotto dei 46 con l’Oreca-Gibson del JDC/Miller Motorsports (nella foto) ed il tempo di 1.49.516, che rimarrà la miglior prestazione della giornata.

Nella lista complessiva dei tempi della giornata però seguono ben sette dei nove alfieri dei tre esemplari di DPi V.R nelle mani d Action Express e WTR, nonostante l’ulteriore rallentamento sancito dal BoP in virtù delle prestazioni dimostrate sia nella trionfale Daytona che nei recenti test, a riprova del potenziale dei prototipi costruiti da Dallara.

Se la seconda prestazione assoluta va al co-campione in carica della serie, Christian Fittipaldi, a 41 millesimi da Simpson nella prima ora di libere, va detto che le altre due sessioni hanno visto un podio virtuale tutto GM, con Jordan Taylor al top nel pomeriggio col tempo di 1.49.888 e Mike Conway il migliore in notturna con 1.49.815.

A 6 decimi dalla vetta la Ligier del PR1/Mathiasen con Josè Gutierrez, con le Mazda DPi addirittura a oltre 9 decimi. Peggio è andata invece alle Nissan, con la #2 ferma per tutta la seconda sessione per non meglio precisati problemi elettrici. Indietro anche l’Oreca Rebellion, nonostante l’equipaggio top con il neocampione WEC Neel Jani ancora una volta il migliore del trio.

Situazione simile anche in GTLM, dove il tempo di 1.57.109 ottenuto al mattino dalla Porsche di Fred Makowiecki ha tenuto per tutta la giornata, anche se il miglior passo sembra appannaggio di Corvette e Ford, che si sono suddivise equamente le altre due sessioni, con Oliver Gavin e Sebastien Bourdais rispettivamente.

Pare soffrire sui bump dell’ex aeroporto della Florida la Ferrari 488 GTE del Risi Competizione di Giancarlo Fisichella, Toni Vilander e James Calado, cosi come la versione GT3, che col campione in carica GTD, Alessandro Balzan, non riesca andare oltre il decimo tempo.

Tanto equilibrio nella categoria, con miglior tempo assoluto di 2.01.040, ottenuto ancora una volta al mattino, per la Lamborghini del Paul Miller Racing davanti di un soffio all’Audi #57 dello Stevenson Motorsports, che con Andrew Davis e Lawson Aschenbach ha primeggiato invece nelle altre due sessioni.

A Colin Thompson infine il miglior crono fra le PC con l’entry del BAR1 Motorsports con 1.54.741 davanti ala rivelazione messicana Pato O’Ward con la entry vincitrice a Daytona del Performance Tech.

Poche le interruzioni da segnalare, solo tre in totale, nessuna con conseguenze gravi, né per macchine né per i piloti coinvolti.

Venerdì in programma un’ultima ora di prove libere prima delle qualifiche, rispettivamente alle 9.20 AM e alle 1.00 PM, sempre ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2

I risultati delle Libere 3


Stop&Go Communcation

Si delinea un testa a testa Ford-Corvette in GTLM, con le Porsche terzo incomodo

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/03/JDC.jpg USCC – Sebring, Libere 1, 2 e 3: Cadillac già inarrivabili?