Si è conclusa venerdì la due giorni di test collettivi del WeatherTech SportsCar Championship in vista della prossima 12 Ore di Sebring.

Dopo quattro estensive sessioni agevolate da un clima favorevole è stato il poleman dello scorso anno Oliver Pla a segnare il miglior tempo con la Ligier JS P2-HPD del Michael Shank Racing in 1.51.546.

La pattuglia degli inseguitori vede altri tre equipaggi sotto l’1’52”. In prima battuta la nuova Oreca 05-Nissan del DragonSpeed di Nic Minassian ed Henrik Hedman e Nicolas Lapierre. Il costruttore francese ritorna con successo sulla scena statunitense con la nuova LM P2 dopo l’esperienza con Muscle Milk interrotta bruscamente ad inizio 2014.

A seguire Ryan Dalziel e Filipe Albuquerque con le due Corvette DP di VisitFlorida.com e Action Express; quest’ultima al top nelle classifiche del giovedì. Bene anche i recenti vincitori di Daytona dell’Extreme Speed, cui va la sesta prestazione assoluta dietro l’altra Corvette del WTR. Da segnalare la presenza della Riley-BMW DP ex-Starworks iscritta dall’Alegra Motorsports per Carlos de Quesada, Billy Johnson e Daniel Morad.

Tra le PC, dominio assoluto della entry del CORE Autosport, decisa a riprendersi dall’inusuale battuta d’arresto di Daytona.

Si profila un testa a testa in GTLM tra Ferrari, Porsche e BMW. Complice anche l’assenza delle Corvette trionfatrici a Daytona, la M6 ufficiale schierata dal Rahal Letterman Laningan ha segnato il miglior tempo di 1.58.770 con Dirk Werner davanti per soli 65 millesimi alla 488 GTE del Risi Competizione di Toni Vilander e a poco più di un decimo dalla 911 RSR di Patrick Pilet, autore di un’uscita di strada senza particolari conseguenze nella terza sessione, e Fred Makowiecki.

Le due Ford GT, che a Sebring schiereranno i due assi IndyCar Scott Dixon e Sebastien Bourdais, 8 titoli in due, chiudono a mezzo secondo dai battistrada. I piloti della casa dell’ovale non si sono comunque risparmiati; a testimonianza dell’impegno si conta un’escursione da parte di Richard Westbrook nella quatra ed ultima sessione.

Ferrari in evidenza anche tra le GTD, con la 488 GT3 nuova di zecca di Scuderia Corsa subito al vertice con Alessandro Balzan ed il tempo di 2.01.342 davanti alle Porsche del Park Place e del Black Swan. Bene anche le Audi R8, in evidenza nella prima giornata, mentre le Lamborghini Huracàn GT3 – big crash giovedì per Cedric Sbirrazzuoli con la entry del Dream Racing – chiudono la classifica

Appuntamento a giovedì 17 marzo prossimo per le prime libere della 61ma edizione della 12 ore di Sebring.

Piero Lonardo

La classifica combinata della due giorni di test


Stop&Go Communcation

Olivier Pla ancora il più veloce nella due giorni di test

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/02/msr.jpg USCC – Sarà duello Ligier-Oreca a Sebring?